Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda dissonance » 05/02/2012, 20:18

:-)

Vabbè ragazzi mi sono fatto prendere la mano e l'ho buttata un po' sul pesante, andando peraltro pure OT. Avete ragione a sdrammatizzare. @Zilpha: Sapevo bene che scherzavi!!! :lol:
Avatar utente
dissonance
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9007 di 11308
Iscritto il: 24/05/2008, 20:39
Località: Nomade

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda Zilpha » 05/02/2012, 20:22

In ogni caso, a titolo informativo, io avevo due compagni di classe cocainomani (al liceo)... nel loro caso però non la utilizzavano per aumentare le prestazioni di studio... :-D
http://www.youtube.com/watch?v=JBMEgNtqGNE
"il 73 è il Chuck Norris di tutti i numeri".
Zilpha
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 441 di 531
Iscritto il: 17/08/2009, 19:06

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda menale » 05/02/2012, 20:52

@dissonance- La mia non era una critica ma solo una "docile" domanda! :smt023
«Non piangere! Ho bisogno di tutto il mio coraggio per morire a vent'anni»-E.Galois
Avatar utente
menale
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1265 di 1459
Iscritto il: 16/04/2011, 20:27
Località: Aversa-CE

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda theras » 08/02/2012, 00:25

albertobosia ha scritto:..non saprei, onestamente un paio di ali o degli occhi migliori farebbero comodo. insomma, non è detto che noi siamo il risultato finale del processo evolutivo, magari in una prossima evoluzione ci ritroveremo capaci di fornirci una dose di felicità / concentrazione / riposo quando serve...

..ed un motivo ci sarà,se quell'eventuale stato della storia dell'essere umano e l'epoca attuale non coincidono:
un motivo ci sarà pure se,per ottenere quelle sensazioni anche quando non è il tempo destinato ad esse,
dobbiamo affidarci ad una lunga e dura introspezione nella nostra spiritualità o,a mò di stupida scorciatoia,
a sostanze non prodotte in modo endogeno dal ns corpo il cui uso quasi sempre paghiamo nei termini che son stati ben esposti da Dissonance..
albertobosia ha scritto:per quanta sia la fiducia che si possa riporre nel forum, sono certo che non sarà un thread di 2 pagine a convincere qualcuno a drogarsi :-D

Oh si,invece,
dato che la Storia è piena di cattivi maestri
(o se preferisci,citazione d'obbligo,cattivi tenenti..),
partendo proprio da Freud con la sua "polvere folle",o dai poeti "maledetti" coi loro pur bellissimi fiori del male,
ed arrivando a Dalì o ai tanti geni del rock dei '60 e '70,
troppo spesso morti giovani per nn aver saputo trovar equilibrio tra la Vita e la loro ricerca,
passando per D'Annunzio ed un paio di anfetaminomani che han macchiato di sangue ed odio la prima parte di quel '900 in cui l'essere umano ha scritto le sue pagine più oscure:
e si parla quasi sempre di gente nella cui esistenza cultura ed arte svolgevano un ruolo centrale..
Saluti dal web.
P.S.Nel sito della scuola in cui insegno abbiamo messo un link a matematicamente.it,
e credo proprio che non siamo i soli in qst Belpaese;
buona parte dell'utenza cui si rivolge ha dunque un'età potenzialmente pericolosa e tante volta cammina in precario equilibrio tra uso e sobrietà,
oppure in tal senso ha già fatto scelte quasi sempre deleterie:
teniamo conto nel modo dovuto di questa responsabilità morale,e non lo chiedo con cortesia pur tenendo ai modi,
prima di pretender di parlare degli effetti "benefici" delle droghe in poche righe..
E' meglio non amare troppo la Matematica:
è più Lei a dover amare te.
Renato Caccioppoli(attribuito).
theras
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 290 di 1539
Iscritto il: 04/10/2011, 17:19

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda dissonance » 08/02/2012, 02:35

@theras: Nessuno ha parlato di "effetti benefici" delle droghe. E ti dirò, secondo me auto-censurarsi (o, peggio, censurare) quando si parla di questi argomenti è peggio. Un ragazzo giovane non è necessariamente cretino, e se ne accorge quando gli stai nascondendo qualcosa. Meglio invece parlare con franchezza, dicendo con precisione come stanno le cose.
Avatar utente
dissonance
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9039 di 11308
Iscritto il: 24/05/2008, 20:39
Località: Nomade

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda nato_pigro » 08/02/2012, 09:52

@theras: vorrei sapere perché vuoi privare una persona della libertà di scegliere se drogarsi o meno. Perché preferisci mal informare allo scopo di influenzare qualcuno a non fare qualcosa piuttosto che informare adeguatamente con il rischio che qualcuno scelga coscientemente ciò che vuole.
Tu parli di "cattivi maestri", per me sono modelli di vita. Modelli di una vita che evidentemente scelgo che non mi riguardi.
La droga fa male? Vivere fa male. Se sapessi che morissi domani forse mi piacerebbe provare la cocaina o i funghi allucinogeni, forse no. Non lo so. So che ora come ora non lo trovo appropriato per me.
Parli di "sostanze non prodotte in modo endogeno dal ns corpo", l'acido acetilsalicilico forse lo è? La felicità non è altro che dopamina, l'amore è ossitocina. A me sembra quasi più "naturale" assumere sostanze che non produciamo da soli piuttosto che ottenerle tramite costruzioni mentali astratte. Ancora meglio: nei topi è stato trovato un punto del cervello che se stimolato adeguatamente produce "piacere": l'effetto non è soggetto a diminuzione dell'intensità in seguito all'iterazione. Se si trovasse un bottone analogo nell'uomo? Qualcosa che ci rendessi eternamente "felici", perché non dovremmo premerlo?
Io la mia risposta credo di averla, ognuno deve trovare la sua, di certo vorrei che nessuno me la nascondesse.
Il principio di conservazione dell'energia per un pigro ha un altro significato.
Avatar utente
nato_pigro
Advanced Member
Advanced Member
 
Messaggio: 2494 di 2579
Iscritto il: 10/08/2006, 15:07
Località: Imperia

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda dissonance » 08/02/2012, 14:05

Bello questo post, nato_pigro, sono pienamente d'accordo con te.
Avatar utente
dissonance
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9044 di 11308
Iscritto il: 24/05/2008, 20:39
Località: Nomade

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda menale » 08/02/2012, 14:15

Complimenti per il posto così sentenzioso e pregnante, nato_pigro. Concordo pienamente allorquando sostieni che ognuno deve essere libero di compiere la propria scelta Liberamente, senza che alcuno nasconda la verità (o le verità). Tango a ricordare che quello di bene e/o male è un concetto puramente relativo, frutto del pensiero umano e non sintesi di una verità assoluta ed universale. Attenzione ad assolutizzare!
«Non piangere! Ho bisogno di tutto il mio coraggio per morire a vent'anni»-E.Galois
Avatar utente
menale
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1289 di 1459
Iscritto il: 16/04/2011, 20:27
Località: Aversa-CE

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda Quinzio » 08/02/2012, 22:28

Covenant ha scritto:a quanto ne so Erdos ne faceva uso per allungare i suoi tempi produttivi. Poteva lavorare proficuamente per diversi giorni consecutivi. Tuttavia ricordo di una sua scommessa con un amico/collega, citata anche su wiki mi pare, che gli imponeva l'astinenza dalla droga per un mese, con Erdos che vinse ma alla fine rinfacciò all'amico di aver fatto perdere un mese alla matematica.

Ah beh, che genio di uomo.. !
Se è per questo prima che Eros nascesse la matematica aveva già perso migliaia e migliaia di anni (forse scherzava e non ci è dato sapere).

In ogni caso il genio era nella sua mente, non certo nelle anfetamine che al limite potevano aiutarlo a concentrarsi meglio e per più tempo.


Beh, certo, è come dire che se metti Schumacher su un triciclo rende diversamente che su una Formula1. Oppure come dire che se metti me su una Formula1 dopo 2 metri vado a sbattere.
Quinzio
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 1397 di 3800
Iscritto il: 24/08/2010, 07:50

Re: Paul Erdos e le anfetamine...

Messaggioda Quinzio » 08/02/2012, 22:37

Luca.Lussardi ha scritto:per nato pigro: non dicevo che non credo che Erdos non ne facesse uso, ma non credo che farne uso alzi le capacità.

Domanda: in base a cosa lo dici? Certe affermazioni mi lasciano basito. Credo che non si faccia fatica a trovare migliaia di articoli scientifici che spiegano la dipendenza del funzionamento del cervello da un pletora di fattori quali agenti chimici, ambientali, temporali.
Inoltre le piccole esperienze personali puntano tutte in quella direzione e non serve essere consumatori di droga per convincersi, basta aver preso qualche caffè.
Se così fosse ci sarebbero tantissimi scienziati che ne farebbero uso indiscriminato per avere fama e gloria, ma non è questo il caso.


Di sicuro non è una informazione che viene divulgata alla luce del sole. Se devo scommettere tra chi fa uso di droghe, tra una rock star e un matematico, propendo per la rock star, ma anche questo significa poco.
Quinzio
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 1398 di 3800
Iscritto il: 24/08/2010, 07:50

PrecedenteProssimo

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Intermat e 2 ospiti