Dove cercare la cometa Lovejoy

In questi giorni l’avvistamento della cometa Lovejoy è piuttosto problematica. Molti, me compreso, l’hanno vista ma sono tanti anche coloro che non sono riusciti a scorgerla. La presenza della Luna, col suo bagliore, offusca la visibilità della cometa. Nei primi giorni di gennaio 2015 la Luna, col suo intenso bagliore, ha molto disturbato la visibilità della cometa Lovejoy, rendendola visibile solo attraverso un binocolo o un piccolo telescopio. Ed anche con questi strumenti, appariva comunque molto evanescente. Ecco perché in molti, osservando unicamente ad occhio nudo, non sono riusciti a vederla affatto. E’ assolutamente normale.

D’ora in poi la situazione migliorerà, per due motivi:

la cometa raggiungerà la minima distanza dalla Terra il 7 gennaio; la Luna, superata la fase di plenilunio (del 5 gennaio), entra nella fase calante, quindi diventa sempre meno abbagliante e sorgerà sempre più tardi.

Già a partire dall’8 gennaio la Luna sorgerà dopo le 20:00, con piccole differenze di orario in base alla località, pertanto fino a quell’ora non darà fastidio. Nei giorni successivi la situazione migliorerà ulteriormente, in quanto la Luna sorgerà sempre più tardi, lasciandoci margini di tempo sempre più generosi per goderci la visione della cometa.

Non aspettiamoci chissà cosa… Non aspettiamoci una cometa luminosa e splendente come la Hale-Bopp del 1997 o la Hyakutake del 1996. Al contrario, la 2014 Q2 Lovejoy è molto meno luminosa ed è più difficile da osservare. Appare come un piccolo batuffolino e, in questi giorni, si trova accanto alla costellazione di Orione e avanza verso quella del Toro. Questa per noi è una gran fortuna in quanto la costellazione di Orione è una delle più belle, più brillanti e più conosciute costellazioni del cielo invernale.

Se possibile utilizza un binocolo

Avendola vista personalmente, ti posso garantire che la cometa è perfettamente visibile col binocolo, tuttavia nessuno è in grado di prevedere quanto diventerà brillante e per quanto tempo. Quindi non si può sapere se e per quanto tempo si vedrà ad occhio nudo.

http://parcoastronomico.it/

Commenti

commenti