«È tutto calcolato!» di Lorenzo Baglioni

«È tutto calcolato!», pubblicato da Mondadori, è il primo libro di Lorenzo Baglioni: dopo essere stato tra le “nuove proposte” allo scorso Festival di Sanremo, Baglioni è tra le “nuove proposte” matematico/letterarie.

Diventato famoso per il grande pubblico grazie alla canzone «Il Congiuntivo», simpatico tormentone per insegnare la grammatica, Baglioni è conosciuto già da tempo sul web: la sua pagina YouTube, con una dozzina di canzoni didattiche, tra le quali non si può non menzionare quella sul Teorema di Ruffini, conta più di centomila iscritti. Classe 1986, Baglioni è toscano e laureato in matematica, disciplina che ha insegnato per un paio di anni.
Copertina del libro «È tutto calcolato» di Lorenzo BaglioniL’obiettivo del libro non è di insegnare la matematica, ma di mostrarne il potere, quello di descrivere la realtà attraverso i modelli e quindi spiegare e prevedere le situazioni, come indicato dal sottotitolo «Teoremi e funzioni per risolvere i piccoli problemi quotidiani». In effetti, Baglioni gioca con i modelli matematici e fa continue battute, come è nel suo stile. Informa il lettore, fin dalle prime pagine, che la matematica sarà utile per ingannare il lettore (e ne dà una dimostrazione con un breve ragionamento) e per raccontare storie. Con il suo tono leggero, si rivolge ai ragazzi, perciò le situazioni quotidiane a cui applica la matematica sono la conquista delle ragazze, il gioco del calcetto, la frequentazione del web e la gestione dei profili social, la successione dei video su YouTube, la musica e i sogni.

Ognuno dei dieci capitoli ruota attorno a una situazione: al suo centro si trova un teorema, che viene dimostrato perché un teorema senza dimostrazione non ha alcuna utilità, ma non mancano gli esempi che ci aiutano a capire meglio la teoria. Passando velocemente da una pagina all’altra, sembra di sentire la voce dell’autore che ci parla, con il suo bellissimo accento fiorentino, ma nonostante il senso dell’umorismo, la narrazione non è banale. Lo dimostrano le numerose formule che incontriamo: Stephen Hawking affermava che gli editori lo avevano più volte invitato a evitare le formule nei suoi libri di divulgazione, visto che ognuna di esse avrebbe dimezzato il numero dei potenziali lettori. Baglioni non si lascia spaventare da una simile affermazione e, da vero matematico, è consapevole che in realtà con le formule tutto diventa più chiaro, perciò non ci risparmia la fatica necessaria per capire. D’altra parte, la bellezza della matematica è insita anche nella fatica che si deve fare per coglierla. Al penultimo capitolo, il coraggioso Baglioni ci propone lo studio dei grafici di funzione per poter capire come cambia il nostro amore per la musica, attraverso crescenza/decrescenza, massimi e minimi, con una introduzione così chiara che potrebbe essere riutilizzata quando si propone l’ostico argomento all’ultimo anno delle superiori.

Il libro si legge d’un fiato e se, conoscendo la matematica, si è convinti di non poterci trovare nulla di interessante, il modo in cui sono stati trattati gli argomenti e gli argomenti stessi sono così originali che si troverà comunque qualcosa di nuovo da imparare. Per gli insegnanti sempre alla ricerca di nuovi spunti per proporre gli argomenti ai propri alunni, questo libro può essere fonte di idee nuove e originali. Per gli alunni che sentono estranea la matematica e si convincono che nella quotidianità essa non serva a nulla, le argomentazioni di Baglioni possono smontare questi pregiudizi e, con il suo senso dell’umorismo, anche i passaggi più complessi possono essere superati più agevolmente.

Questo libro è quindi consigliato a tutti: a chi già ama la matematica per continuare a trovare nuovi spunti per giocarci, a chi ancora non la ama per trovare una motivazione per studiarla, a chi è convinto che nella vita quotidiana non serva a nulla…

Titolo: È tutto calcolato
Autore: Lorenzo Baglioni
Editore: Mondadori
Pagine: 120
Prezzo di copertina: 17,00 EUR
ISBN: 9788804683766

Potrebbero interessarti anche

 

Commenti

commenti