Autodidatta?

Messaggioda dRic » 19/04/2017, 23:13

Salve
studio ingegneria (chimica in particolare), quindi parto da una modesta base di nozionistica generale. Mi stavo chiedendo se, secondo voi, è possibile intraprendere un percorso personale autonomo finalizzato ad approfondire le mie conoscenze sul piano della fisica teorica. Sono molto curioso e spesso non sono soddisfatto dell'approccio "ingegneristico" che adoperiamo nelle lezioni (sebbene penso che la mia facoltà sia abbastanza teorica se uno la vuol far bene e devo dire che certi argomenti sono trattati abbastanza approfonditamente). Per circoscrivere l'ambito diciamo che sono molto molto interessato alla parte di elettromagnetismo e ottica che nel nostro corso è ampiamente trascurata. Non voglio diventare un esperto, ma sono semplicemente curioso... so quando devo fermarmi! La mia ambizione più grande è quella di riuscire a capire, un giorno, meglio le basi della meccanica quantistica; tale ambito si intreccia un po' con il mio corso di studi e quindi avrò anche degli esami a riguardo che mi forzeranno a studiare seriamente! Secondo voi è un progetto irrealizzabile che merita di essere accantonato o è fattibile? Non ho fretta... come aspettative spererei di farcela in 4/5 anni (considerando l'impegno universitario e il futuro lavoro). Che ne pensate? Ripeto: non ho la pretesa di acquisire chissà che competenze!
dRic
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 61 di 201
Iscritto il: 01/01/2017, 03:54
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Mac OS X Mac OS X

Re: Autodidatta?

Messaggioda Giux » 20/04/2017, 16:39

Io penso che non è impossibile, basta avere la voglia e la volontà di farlo, seguito dalla passione sfrenata di scoprire le cose...

Anch'io ho studiato Ingegneria(informatica però), è sono sempre alle prese con la fisica e la matematica perché le ho "riscoperte" durante gli studi e mi piacciono tantissimo, devi procurarti il materiale giusto devi dedicarci molto tempo e devi anche impostare un percorso giusto, ripeto non è impossibile, ma bisogna lavorare ;)
La matematica è la regina delle scienze e la teoria dei numeri è la regina della matematica.
(Carl Friedrich Gauss)
Avatar utente
Giux
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 179 di 221
Iscritto il: 01/10/2012, 09:49
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Windows Seven 64 bits Windows Seven 64 bits

Re: Autodidatta?

Messaggioda dRic » 21/04/2017, 23:07

Grazie dell'incoraggiamento e scusami per la tarda risposta! Già che ci sono ti chiedo un parere: a me la fisica appassiona molto, ma la matematica un po' meno... Ho le nozioni basi di analisi 1, 2, geometria e qualche rudimento (proprio rudimento) di statistica. So già che non basta, ma non riesco a capire di "quanto". Secondo te è sufficiente integrare qua e là oppure sarebbe meglio partire da più solide basi in campo matematico?
dRic
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 62 di 201
Iscritto il: 01/01/2017, 03:54
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Mac OS X Mac OS X

Re: Autodidatta?

Messaggioda Giux » 22/04/2017, 12:57

dRic ha scritto:a me la fisica appassiona molto, ma la matematica un po' meno...

Fisica e matematica "vivono in simbiosi", o meglio per essere più precisi, si può studiare matematica anche senza saperne molto di fisica, ma non vale il viceversa (tanto per restare in tema: la corrispondenza non è biunivoca :-D ), se vuoi capirci a fondo devi dare tanto credito alla parte fisica quanto a quella matematica.

dRic ha scritto:Ho le nozioni basi di analisi 1, 2, geometria e qualche rudimento (proprio rudimento) di statistica.

Bastano per iniziare. Approfondisci meglio, l'idea sarebbe quella di studiarti gli argomenti di fisica
seguendo un andamento lineare e quando trovi qualcosa di matematica che non capisci te la vai a studiare meglio...e poi riprendi gli studi in fisica... per fare un buon lavoro devi avere a portata di mano sia i testi di matematica che di fisica.

dRic ha scritto:So già che non basta, ma non riesco a capire di "quanto". Secondo te è sufficiente integrare qua e là oppure sarebbe meglio partire da più solide basi in campo matematico?

Dipende a che livello di conoscenza vuoi spingerti. Potesti fermarti già alla meccanica di Newton, con le conoscenze di analisi uno, ma il livello di descrizione è molto limitato e grezzo. Per avere una visione più accurata e vicina al "reale" bisogna avvalersi di modelli matematici più fini e meno grezzi, ma naturalmente più complessi e quindi bisogna arricchire sempre più il "bagaglio scientifico".
La matematica è la regina delle scienze e la teoria dei numeri è la regina della matematica.
(Carl Friedrich Gauss)
Avatar utente
Giux
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 185 di 221
Iscritto il: 01/10/2012, 09:49
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Windows Seven 64 bits Windows Seven 64 bits

Re: Autodidatta?

Messaggioda dRic » 24/04/2017, 10:52

Giux ha scritto: Fisica e matematica "vivono in simbiosi", o meglio per essere più precisi, si può studiare matematica anche senza saperne molto di fisica, ma non vale il viceversa (tanto per restare in tema: la corrispondenza non è biunivoca :-D ), se vuoi capirci a fondo devi dare tanto credito alla parte fisica quanto a quella matematica.


Senza perdersi a filosofare, ma non sono d'accordo.Tutto quello che so di matematica l'ho imparato dalla fisica e non dagli esami di analisi, ma sarà forse una cosa mia (ché infatti non so nulla di matematica :-D ). In ogni caso mi permetto di approfittare della tua gentilezza per chiederti un ultimo parere "pratico". Ho controllato i programmi di "matematica" di un mio amico che fa fisica e, a quanto pare, gli unici due macroargomenti a me sconosciuti sono gli integrali di Lebesgue e le trasformate. La meccanica è una parte della fisica che non mi fa impazzire, quindi non mi va di addentramici con utilizzo di strumenti eccessivamente complessi. Inizierei il mio percorso da elettromagnetismo. Tralasciando la parte "facile" che si fa nei corsi di fisica sperimentale anche a ingegneria, secondo lei gli argomenti sopracitati sono "necessari" o no? Grazie ancora della disponibilità! :)
dRic
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 63 di 201
Iscritto il: 01/01/2017, 03:54
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Mac OS X Mac OS X

Re: Autodidatta?

Messaggioda Giux » 24/04/2017, 11:45

Sicuramente le trasformate ed in particolare la Trasformata di Fourier, per tutto il discorso inerente alla descrizione matematica dei segnali e delle onde elettromagnetiche, ma per questo ti consiglio se non l'hai già fatto di partire dalle serie di Fourier prima di arrivare alle trasformate vere e proprie. Per quanto riguarda l'integrale secondo Lebesgue studialo al momento opportuno, quando sarà necessario, poi dipende da cosa intendi per "parte facile"
La matematica è la regina delle scienze e la teoria dei numeri è la regina della matematica.
(Carl Friedrich Gauss)
Avatar utente
Giux
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 191 di 221
Iscritto il: 01/10/2012, 09:49
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Windows Seven 64 bits Windows Seven 64 bits

Re: Autodidatta?

Messaggioda dRic » 25/04/2017, 00:54

Grazie mille! Allora farò come ha detto. Per parte "facile" ad ogni modo intendevo proprio le basi (come la definizione di campo magnetico, elettrico, gli esercizi dove ti metti a calcolare il campo di un anello/sfera ecc... oppure il potenziale... cose molto standard)
dRic
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 64 di 201
Iscritto il: 01/01/2017, 03:54
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Mac OS X Mac OS X


Torna a Fisica, Fisica Matematica, Fisica applicata, Astronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Yahoo [Bot] e 18 ospiti