Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda training » 28/03/2020, 10:16

mgrau ha scritto:Non credo esista un microscopio simile, comunque sì... :D Ma perchè "nonostante"?


sì effettivamente il nonostante è sbagliato, perché condizione di equilibrio implica che ci siano continue trasformazioni di fase a velocità uguale
training
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 187 di 248
Iscritto il: 05/09/2019, 14:46

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda training » 31/03/2020, 10:55

mgrau ha scritto:Nei dintorni dei panni bagnati la pressione di vapore è quella che corrisponde al vapore saturo alla temperatura ambiente: se ci metti in igrometro ti segnerà 100% o quasi. Più lontano in genere l'aria non è satura, così che c'è un trasporto di vapore d'acqua verso l'ambiente. Se invece l'aria fosse già satura di suo, i panni non asciugherebbero. Per es. avrai notato che quando c'è aria secca non si suda o comunque si asciuga subito, con aria umida si suda e il sudore rimane liquido.


mgrau ci ho riflettuto ancora.. e devo farti una domanda...

tu hai scritto:

"Più lontano in genere l'aria non è satura, così che c'è un trasporto di vapore d'acqua verso l'ambiente."

Perché c'è questo trasporto naturale, spontaneo?
training
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 189 di 248
Iscritto il: 05/09/2019, 14:46

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda mgrau » 31/03/2020, 11:41

Perchè la pressione (parziale) del vapore è maggiore dove l'aria è satura e minore dove non lo è
mgrau
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5636 di 6050
Iscritto il: 29/11/2016, 11:10
Località: Milano

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda training » 31/03/2020, 14:14

mgrau ha scritto:Perchè la pressione (parziale) del vapore è maggiore dove l'aria è satura e minore dove non lo è



Scusa questo mio continuo chiedere il perché tipo bambino.

... come mai il vapore vuole andare dove la sua pressione parziale è minore?
training
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 191 di 248
Iscritto il: 05/09/2019, 14:46

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda mgrau » 31/03/2020, 16:06

training ha scritto:Scusa questo mio continuo chiedere il perché tipo bambino.


Ottima cosa, cerca di mantenerla...
però a questa domanda potresti risponderti da solo... per es. usando un approccio statistico, pressione maggiore vuol dire, a parità di velocità/temperatura, maggior numero di molecole per unità di volume, e, muovendosi a caso, tendono ad una distribuzione uniforme.
mgrau
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5639 di 6050
Iscritto il: 29/11/2016, 11:10
Località: Milano

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda training » 01/04/2020, 15:42

mgrau ha scritto:
training ha scritto:Scusa questo mio continuo chiedere il perché tipo bambino.


Ottima cosa, cerca di mantenerla...


Ci provo :D

mgrau ha scritto:però a questa domanda potresti risponderti da solo... per es. usando un approccio statistico, pressione maggiore vuol dire, a parità di velocità/temperatura, maggior numero di molecole per unità di volume, e, muovendosi a caso, tendono ad una distribuzione uniforme.


Quindi, semplicemente perché le molecole vogliono distribuirsi nello spazio in maniera più uniforme?
training
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 193 di 248
Iscritto il: 05/09/2019, 14:46

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda mgrau » 01/04/2020, 15:47

training ha scritto:
Quindi, semplicemente perché le molecole vogliono distribuirsi nello spazio in maniera più uniforme?

Attribuire una volontà alle molecole mi sembra eccessivo...
mgrau
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5644 di 6050
Iscritto il: 29/11/2016, 11:10
Località: Milano

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda training » 01/04/2020, 20:21

mgrau ha scritto:Attribuire una volontà alle molecole mi sembra eccessivo...


Quindi, semplicemente perché le molecole tendono a distribuirsi nello spazio nella maniera più uniforme possibile?
training
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 195 di 248
Iscritto il: 05/09/2019, 14:46

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda mgrau » 01/04/2020, 20:46

training ha scritto:Quindi, semplicemente perché le molecole tendono a distribuirsi nello spazio nella maniera più uniforme possibile?

Già. Ogni componente di una miscela di gas si comporta come se fosse da sola, quindi anche l'acqua nell'aria. Dopo tutto, un gas in un recipiente (abbastanza piccolo!) ha dappertutto la stessa pressione.
mgrau
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5646 di 6050
Iscritto il: 29/11/2016, 11:10
Località: Milano

Re: Evaporazione in condizioni ambiente

Messaggioda CLaudio Nine » 03/04/2020, 17:21

mgrau ha scritto:
training ha scritto:Scusa questo mio continuo chiedere il perché tipo bambino.


Ottima cosa, cerca di mantenerla...
però a questa domanda potresti risponderti da solo... per es. usando un approccio statistico, pressione maggiore vuol dire, a parità di velocità/temperatura, maggior numero di molecole per unità di volume, e, muovendosi a caso, tendono ad una distribuzione uniforme.


mgrau ciao, ho citato un commento ma mi riferisco all'intera discussione.

Sono d'accordo con le tue spiegazioni, ma penso di aver trovato una falla, sempre che non sia io ad essere fuori strada.
Seguendo questo tuo ragionamento, si spiega perché ad esempio l'acqua in fase liquida contenuta nei vestiti stesi passa alla fase vapore.

Tuttavia... seguendo sempre la stessa linea, mi verrebbe da pensare che se metto una bacinella con 1 litro d'acqua in una stanza che si trova a $25°C$ e $1atm$ (oppure all'aria aperta), piano piano tutta l'acqua incomincerà ad evaporare fino a che l'umidità relativa della stanza non sarà massima.

E questo invece non accade.

Come mai l'acqua contenuta nei vestiti evapora del tutto, mentre quella nella bacinella no?
Dato che l'acqua non smette di evaporare perché l'umidità relativa è massima, ma bensì prima, quale altro fenomeno fa sì che un tot di acqua rimanga in fase liquida?
CLaudio Nine
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 243 di 277
Iscritto il: 27/09/2018, 20:13

PrecedenteProssimo

Torna a Fisica, Fisica Matematica, Fisica applicata, Astronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 25 ospiti