Re: Me e l'università...

Messaggioda SaO » 13/11/2017, 23:15

axpgn ha scritto:E dagli ... ti è stato detto (i duemila fisici a Wall Street non sono una battuta, è un esempio di come al giorno d'oggi certe competenze e capacità possono essere impiegate in modo più trasversale di un tempo, in modo meno rigido ma anche altri esempi sono stati fatti in 177 messaggi) ma tu non li prendi in considerazione, non li vedi proprio perché non corrispondono a ciò che vuoi sentirti dire ... It's simple :D ... Sei un muro di gomma, non rifletti ma ributti indietro tutto quello che ti arriva con un "Sì, ma ..." ... IMHO

Cordialmente, Alex


Ho capito che a Wall Street ci sono i fisici, ma non penso che ci arriverò mai con una laurea italiana in fisica, a meno che non la prenda alla Normale di Pisa, e anche in quel caso, la vedo dura.
Tante aziende in america non assumono persone senza cittadinanza, ma non per volere loro, per volere del governo.
SaO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 158 di 237
Iscritto il: 06/10/2017, 09:39

Re: Me e l'università...

Messaggioda axpgn » 13/11/2017, 23:21

Ma se quello citato era ungherese! Non solo, lavorava per abbattere gli aerei americani :lol:
È questo tuo modo di pensare che devi cambiare: ad ogni possibilità trovi una difficoltà, la quale ci può anche essere (ma non tutte :wink: ) ma devi concentrarti su come superarle, non cambiare strada per trovarne una facile facile (che non c'è)

Cordialmente, Alex
axpgn
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9740 di 12507
Iscritto il: 20/11/2013, 22:03

Re: Me e l'università...

Messaggioda SaO » 13/11/2017, 23:47

Ma se quello citato era ungherese! Non solo, lavorava per abbattere gli aerei americani

Non era ungehere ma ha detto che durante un viaggio in aereo ha incontrato un fisico ungherese.
Lui ha studiato all'università di arte e non c'entra nulla con fisica.
SaO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 159 di 237
Iscritto il: 06/10/2017, 09:39

Re: Me e l'università...

Messaggioda axpgn » 14/11/2017, 00:06

Parlava sì in inglese ma c'erano pure i sottotitoli in italiano, nei quali stava scritto che il fisico (ungherese) diceva a lui (Slavin) cosa avevano inventato per individuare gli Stealth (americani) e continuava dicendo che ora (dopo la caduta del muro), lui, cioè il fisico ungherese lavora a Wall Street con altri 2000 fisici ... risentila ...
Comunque questa tua risposta conferma in pieno quanto ho appena detto: riflettere? perché mai, commento immediato per respingere la palla ... io, prima di rispondere, sarei andato a rivedermi quel video per essere sicuro di quello che stavo per dire ... questo atteggiamento, a mio parere, è sbagliato: prendi quello che ti dicono (giusto o sbagliato che sia) e rimugina, ripensa, rumina ... non rispondere d'istinto con ciò che ti viene in mente ...

Cordialmente, Alex
axpgn
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9741 di 12507
Iscritto il: 20/11/2013, 22:03

Re: Me e l'università...

Messaggioda SaO » 14/11/2017, 08:22

Parlava sì in inglese ma c'erano pure i sottotitoli in italiano, nei quali stava scritto che il fisico (ungherese) diceva a lui (Slavin) cosa avevano inventato per individuare gli Stealth (americani) e continuava dicendo che ora (dopo la caduta del muro), lui, cioè il fisico ungherese lavora a Wall Street con altri 2000 fisici ... risentila ...

Lui chi?

Ti cito Fabio Scacciavillani, responsabile fondi dell'investimento dell'Oman.

In sintesi i derivati sono utili per alcuni scopi ben definiti, ma non sono sostituti per strategie di investimento che prescindano dall’analisi economica. I fisici questi problemi non se li pongono. Non sanno nulla di economia, di mercati, di finanza. Quale realtà ci sia dietro un tasso di cambio o un tasso di interesse è per loro argomento assolutamente alieno. Trovata la soluzione numerica di un’equazione differenziale parziale, il resto sparisce.
SaO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 160 di 237
Iscritto il: 06/10/2017, 09:39

Re: Me e l'università...

Messaggioda civamb » 14/11/2017, 08:32

Nella finanza ci sono molti ingegneri e fisici questo é vero. Restando in Italia, per fare un esempio, intesa san paolo ogni anno organizza delle selezioni presso il politecnico di Torino in cui seleziona matematici-ingegneri matematici ed ingegneri fisici...
civamb
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 482 di 575
Iscritto il: 13/01/2014, 17:37

Re: Me e l'università...

Messaggioda iSte » 14/11/2017, 11:34

SaO ha scritto:
Parlava sì in inglese ma c'erano pure i sottotitoli in italiano, nei quali stava scritto che il fisico (ungherese) diceva a lui (Slavin) cosa avevano inventato per individuare gli Stealth (americani) e continuava dicendo che ora (dopo la caduta del muro), lui, cioè il fisico ungherese lavora a Wall Street con altri 2000 fisici ... risentila ...

Lui chi?

Ti cito Fabio Scacciavillani, responsabile fondi dell'investimento dell'Oman.

[quote]In sintesi i derivati sono utili per alcuni scopi ben definiti, ma non sono sostituti per strategie di investimento che prescindano dall’analisi economica. I fisici questi problemi non se li pongono. Non sanno nulla di economia, di mercati, di finanza. Quale realtà ci sia dietro un tasso di cambio o un tasso di interesse è per loro argomento assolutamente alieno. Trovata la soluzione numerica di un’equazione differenziale parziale, il resto sparisce.
[/quote]

Eh certo. Come se fosse colpa dei fisici, ciò che è successo nel 2007. I derivati non l'hanno di certo inventati i fisici. Quelli che dovevano fare i regolatori (Federal Reserve) erano coinvolti nel disastro, quelli che devono istruire per evitare che succeda un'altra volta (Harvard) sono figli della letteratura che ha quasi distrutto il sistema economico mondiale. Solito banker che parla con dei giornalisti che non sanno una sega. Che appena vedono due numeri si spaventano.
Non ho mai visto tanta disinformazione come su questa storia delle banche.

P.S. E' un commento alla frase evidenziata, nulla contro di te, Sao.
iSte
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 171 di 315
Iscritto il: 07/05/2011, 14:22

Re: Me e l'università...

Messaggioda SaO » 14/11/2017, 12:23

h certo. Come se fosse colpa dei fisici, ciò che è successo nel 2007. I derivati non l'hanno di certo inventati i fisici. Quelli che dovevano fare i regolatori (Federal Reserve) erano coinvolti nel disastro, quelli che devono istruire per evitare che succeda un'altra volta (Harvard) sono figli della letteratura che ha quasi distrutto il sistema economico mondiale. Solito banker che parla con dei giornalisti che non sanno una sega. Che appena vedono due numeri si spaventano.
Non ho mai visto tanta disinformazione come su questa storia delle banche.

P.S. E' un commento alla frase evidenziata, nulla contro di te, Sao.

Figuriamoci, ben vengano i commenti che mi aiutano a capire meglio la situazione economica.
SaO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 162 di 237
Iscritto il: 06/10/2017, 09:39

Re: Me e l'università...

Messaggioda axpgn » 14/11/2017, 14:25

SaO ha scritto:Lui chi?


... che il fisico (ungherese) diceva a lui (Slavin) cosa avevano inventato


:lol: :lol:

... ma allora gli autogol li fai apposta ... ti ho appena detto che non rifletti e non approfondisci quello che ti si dice e neanche leggi la frase ... [-X

E in merito alla citazione ... che c'entrano i fisici? A loro viene chiesto di raggiungere un obiettivo, se poi l'obiettivo sia quello giusto da raggiungere non devo deciderlo loro ...

Cordialmente, Alex
axpgn
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 9746 di 12507
Iscritto il: 20/11/2013, 22:03

Re: Me e l'università...

Messaggioda MementoMori » 14/11/2017, 14:54

Ma basta dargli corda è un troll, potete continuare all'infinito . Sarebbe consigliabile ormai chiuderla sta discussione (come le altre di SaO ) ormai si è giá tirato troppo per le lunghe e il tema del post giá ampiamente dibattuto.
" Si piange perché si è tristi. Per esempio, io piango perché gli altri sono stupidi e questo mi rende triste. "
Avatar utente
MementoMori
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 292 di 371
Iscritto il: 09/09/2015, 18:56

PrecedenteProssimo

Torna a Orientamento Universitario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti