Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione

Messaggioda novo80 » 08/10/2012, 11:11

perfetto
novo80
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 32 di 45
Iscritto il: 28/07/2011, 20:32

Messaggioda Gi8 » 08/10/2012, 11:12

novo80 ha scritto:da ciò mi chiedevo a questo punto la differenza tra funzione e operazione binaria, la funzione a differenza dell'operazione binaria può avere il codominio negl'elementi di B.....dalla definizione letta di operazione binaria invece mi fa capire che il codominio deve essere nello stesso insieme degli argomenti...
Quello che dici è sotanzialmente corretto, ma mi fai pensare che non hai letto i miei post precedenti.
Mi devo ripetere un'altra volta:
Gi8 ha scritto:Una operazione binaria su un insieme $X$ è una qualunque funzione $f:X times X to X$
Gi8
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 3298 di 5034
Iscritto il: 18/02/2010, 21:20

Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione

Messaggioda novo80 » 08/10/2012, 11:15

ora è chiaro, grazie mille per l'aiuto
novo80
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 33 di 45
Iscritto il: 28/07/2011, 20:32

Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione

Messaggioda GundamRX91 » 08/10/2012, 11:20

novo, però anche nelle operazioni n-arie, il dominio è differente dal codominio:
\( \displaystyle *: A \times A \rightarrow A \)

dove il dominio \( \displaystyle A \times A := \{(a,b)| a \in A, b \in A\} \) , e il codominio è "solo" \( \displaystyle A=\{a_1,a_2,...\} \) , quindi sono formalmente differenti.
"E' sempre vero? Ci sono dei casi in cui l'enunciato è falso?"
Avatar utente
GundamRX91
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1785 di 1940
Iscritto il: 16/08/2007, 11:29
Località: Sassari

Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione

Messaggioda novo80 » 08/10/2012, 11:23

ok, thanks
novo80
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 34 di 45
Iscritto il: 28/07/2011, 20:32

Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione?

Messaggioda francox » 04/04/2019, 01:12

Dire che "un operazione binaria su un insieme X è una qualunque funzione $f:X×X\rightarrowX$" è come dire che la sua applicazione, cioè "la funzione" è una generalizzazione delle operazioni binarie: l "applicazione" dell'operazione binaria, la cosiddetta 'funzione' è un operazione binaria solo se parafrasiamo la sua definizione inserendola nel contesto di una determinata struttura.

Un operazione binaria è sempre una funzione? Non basta dire 'si'.
Quando un'operazione binaria è dotata della 'struttura di un' iniezione', allora possiamo parlare di 'funzione come operazione binaria' o 'applicazione'
Per capire questa cosa bisogna leggere qui
https://ncatlab.org/nlab/show/subset

In structural foundations of mathematics, this definition doesn't make sense, because there is no global membership predicate $\in$ (and there may not be a global equality predicate either). Accordingly, we define a $\text{subset}$ of $A$ to be a set $B$ with the *structure* of an injection
$$ i\colon B \hookrightarrow A .$$

Per essere applicazione bisogna definire l'operazione binaria come un sottoinsieme di A come un insieme B con la struttura di un'iniezione.

Possiamo allora affermare che le funzioni ovvero le 'applicazioni' (delle operazioni binarie) sono sempre operazioni binarie?
A livello strutturale lo possiamo fare?
Non se manteniamo la struttura dell'operazione binaria! cioè non se l'operazione binaria "è come" un sottoinsieme di A (operazione binaria) come un insieme B con la struttura di un'iniezione (applicazione) !

Invece se l'applicazione ha struttura di un insieme A (non noto) come un sottoinsieme di B (non noto), allora si, ogni applicazione è un'operazione binaria e viceversa se manteniamo anche la definizione dell'operazione binaria come un sottoinsieme di A (operazione binaria) come un insieme B con la struttura di un'iniezione (applicazione).

In questo caso abbiamo la fusione di 2 diverse definizioni in una sola, in questo caso le 2 definizioni sono logicamente equivalenti perchè formano un'identità
https://en.wikipedia.org/wiki/Triple_bar

questo perchè uso un connettivo logico bicondizionale tra le affermazioni.
https://en.wikipedia.org/wiki/If_and_only_if

In pratica rendiamo indistinguibili una definizione rispetto all'altra perchè cambiamo i valori di verità per la definizione di applicazione (attenzione! non cambio la definizione, ma cambio i valori di verità che strutturano la definizione in senso logico) uniformandola ai valori di verità che la definizione di operazione binaria esibisce come struttura (non basta infatti come definizione), nel mio caso l'ho fatto parafrasando la struttura per la definizione di funzione, l'insieme A e il sottoinsieme B infatti non sono noti perchè tale 'insiemi' non sono dei veri insiemi, ma falsi insiemi, in realtà sono tabelle di verità opportunatamente riscritte per poter fondere le definizioni e renderle indistinguibili, in questo modo ottengo un'identità (logica) per 2 concetti che matematicamente sono diversi, ma non logicamente.
francox
New Member
New Member
 
Messaggio: 50 di 50
Iscritto il: 27/11/2016, 06:02

Re: Che differenza c'è tra operazione binaria e applicazione?

Messaggioda Martino » 04/04/2019, 13:12

Moderatore: Martino

Chiudo per necroposting.
Le persone che le persone che le persone amano amano amano.
Avatar utente
Martino
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 7365 di 7389
Iscritto il: 21/07/2007, 11:48
Località: Brasilia

Precedente

Torna a Algebra, logica, teoria dei numeri e matematica discreta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti