Indifferenza ingresso TDV

Messaggioda lore » 22/04/2006, 15:38

Scusate ma in una Tabella di verità, a cosa servono le condizioni di indifferenza in ingresso? Con quelle in uscita vabbè, semplifichi le mappe di Karnaugh, ma quelle in ingresso non ho capito a che scopo sono...
There exists... an entire world which is the totality of mathematical truths... just as a world of physical reality exists, the one like the other independent of ourselves, both of divine creation. (C. Hermite)

Chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. (H. Ford)
lore
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 206 di 1118
Iscritto il: 15/03/2006, 20:28

Messaggioda CiUkInO » 22/04/2006, 16:03

Scusate ma in una Tabella di verità, a cosa servono le condizioni di indifferenza in ingresso? Con quelle in uscita vabbè, semplifichi le mappe di Karnaugh, ma quelle in ingresso non ho capito a che scopo sono...


Beh se metti le condizioni di indifferenza di qualche segnale in ingresso,sostanzialmente vuol dire che l'uscita non dipende da quel ingresso,e quindi è indifferente se sia alto o basso.

Esempio studipo...se in un qualche sistema hai un segnale di reset attivo alto,quando questo è a valore logico alto resetta tutto senza guardare tutti gli altri segnali in ingresso.
CiUkInO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 13 di 175
Iscritto il: 26/03/2006, 18:51

Messaggioda lore » 22/04/2006, 16:05

CiUkInO ha scritto:
Scusate ma in una Tabella di verità, a cosa servono le condizioni di indifferenza in ingresso? Con quelle in uscita vabbè, semplifichi le mappe di Karnaugh, ma quelle in ingresso non ho capito a che scopo sono...


Beh se metti le condizioni di indifferenza di qualche segnale in ingresso,sostanzialmente vuol dire che l'uscita non dipende da quel ingresso,e quindi è indifferente se sia alto o basso.

Esempio studipo...se in un qualche sistema hai un segnale di reset attivo alto,quando questo è a valore logico alto resetta tutto senza guardare tutti gli altri segnali in ingresso.


Quindi semplifica solo il circuito, non le mappe di Karnaugh...
There exists... an entire world which is the totality of mathematical truths... just as a world of physical reality exists, the one like the other independent of ourselves, both of divine creation. (C. Hermite)

Chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. (H. Ford)
lore
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 208 di 1118
Iscritto il: 15/03/2006, 20:28

Messaggioda CiUkInO » 22/04/2006, 20:20

Quindi semplifica solo il circuito, non le mappe di Karnaugh...


beh scusa,sono strettamente collegate le 2 cose
CiUkInO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 14 di 175
Iscritto il: 26/03/2006, 18:51

Messaggioda CiUkInO » 22/04/2006, 20:25

Scusa la confusione....riscrivo:


La mappa di Karnaugh è strettamente legata al circuito....
CiUkInO
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 15 di 175
Iscritto il: 26/03/2006, 18:51

Messaggioda lore » 22/04/2006, 20:57

CiUkInO ha scritto:Scusa la confusione....riscrivo:


La mappa di Karnaugh è strettamente legata al circuito....


Si ok, ma cosa cambia nella pratica in una data mappa di Karnaugh con una data indifferenza in ingresso? Mi spiego meglio: se io ho l'indifferenza in uscita, allora metto le X sulla mappa e mi viene semplificata. In caso dell'indifferenza in ingresso, la mappa sembra che resti tale e quale, al massimo ho una tabella più compatta... o no?
There exists... an entire world which is the totality of mathematical truths... just as a world of physical reality exists, the one like the other independent of ourselves, both of divine creation. (C. Hermite)

Chiunque smetta di imparare è vecchio, che abbia 20 o 80 anni. (H. Ford)
lore
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 210 di 1118
Iscritto il: 15/03/2006, 20:28


Torna a Algebra, logica, teoria dei numeri e matematica discreta

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti