Libri moderni e libri passati

Messaggioda anotherbassplayer » 08/09/2019, 14:16

Ciao, sono prossimo ad iniziare la triennale in ingegneria chimica (ho 20 anni). Non so se sia una mia impressione o un mio errore di valutazione, ma i libri più vecchi sembrano scritti meglio di quelli moderni.
Mi spiego: quelli più recenti, a volte, mi paiono un po' "sbrigativi" su alcuni aspetti, mentre i libri scritti prima sembrano prendersi tutto il tempo che serve.
Con questo discorso mi riferisco soprattutto ai libri di matematica; ad esempio il così tanto osannato Analisi 1 (Bramanti, Pagani, Salsa), vi giuro che non l'ho mai capito fino in fondo. Che ne pensate? Consigli in merito? Avete mai avuto la stessa impressione e preferite libri meno recenti?
anotherbassplayer
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 5 di 7
Iscritto il: 18/11/2018, 13:21

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda gugo82 » 08/09/2019, 14:58

anotherbassplayer ha scritto:Ciao, sono prossimo ad iniziare la triennale in ingegneria chimica (ho 20 anni). Non so se sia una mia impressione o un mio errore di valutazione, ma i libri più vecchi sembrano scritti meglio di quelli moderni.
Mi spiego: quelli più recenti, a volte, mi paiono un po' "sbrigativi" su alcuni aspetti, mentre i libri scritti prima sembrano prendersi tutto il tempo che serve.

Ovvio.
I testi riflettono i tempi dei corsi per i quali sono progettati.
Prima del 2000, i corsi di Analisi I erano annuali; dopo il 2000, i corsi di Analisi I si sono ristretti ad un trimestre.

anotherbassplayer ha scritto:ad esempio il così tanto osannato Analisi 1 (Bramanti, Pagani, Salsa), vi giuro che non l'ho mai capito fino in fondo.

“Osannato”?
Il Bramanti, Pagani & Salsa??? :shock:

Ma quando mai!

anotherbassplayer ha scritto:Che ne pensate? Consigli in merito? Avete mai avuto la stessa impressione e preferite libri meno recenti?

Prendi il Pagani & Salsa, Analisi Matematica I - seconda edizione, Zanichelli.
Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 22307 di 22371
Iscritto il: 13/10/2007, 00:58
Località: Napoli

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda anotherbassplayer » 08/09/2019, 16:38

Perché non usare invece un libro di analisi 1 più datato?

P.s. senza il signor Bramanti è cambiato tutto? XD
anotherbassplayer
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 6 di 7
Iscritto il: 18/11/2018, 13:21

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda axpgn » 08/09/2019, 18:15

Credo sia il contrario: è arrivato il sig.Bramanti :-D
axpgn
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 14074 di 14117
Iscritto il: 20/11/2013, 23:03

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda anotherbassplayer » 09/09/2019, 12:36

Avete altri consigli su libri ben scritti da usare?
anotherbassplayer
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 7 di 7
Iscritto il: 18/11/2018, 13:21

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda gugo82 » 09/09/2019, 20:28

Mah… Dipende da che ti serve.

Mediamente, i testi di Analisi stampati entro il 1999 sono tutti buoni; Marcellini & Sbordone è quello più accessibile, poi ci sono il Giusti Analisi Matematica I - seconda edizione (affiancato da Esercizi e Complementi di Analisi Matematica- vol. primo) o lo Acerbi & Buttazzo Primo Corso di Analisi Matematica, oltre al già citato Pagani & Salsa (che è stato rivisto, ma non stravolto, qualche anno fa).
Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 22318 di 22371
Iscritto il: 13/10/2007, 00:58
Località: Napoli

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda arnett » 10/09/2019, 19:00

Beh poi ci sono due libri di analisi bellissimi ma impraticabili - cioè che non posso consigliare a qualcuno che studi analisi per la prima volta, ma forse per la seconda sì: il Prodi e il De Marco.
"ci scruta poi gira se ne va"
arnett
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1106 di 1132
Iscritto il: 18/07/2018, 09:08

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda vict85 » 11/09/2019, 14:25

arnett ha scritto:Beh poi ci sono due libri di analisi bellissimi ma impraticabili - cioè che non posso consigliare a qualcuno che studi analisi per la prima volta, ma forse per la seconda sì: il Prodi e il De Marco.


Non so, per una seconda lettura, consiglierei il (baby) Rudin, se non direttamente qualcosa come il (big) Rudin o il Folland. Insomma non trovo utile leggersi un secondo libro che sostanzialmente presenta esattamente le stesse cose del primo. A meno che non si consigli di studiare due libri per lo stesso esame di analisi matematica I.

Mi era capitato tra l'altro di dare un'occhiata al Godement, non si tratta di un libro troppo "formale", ma trovo possa essere una lettura molto più piacevole e forse addirittura utile di un "tradizionale" secondo manuale di analisi 1.
vict85
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 9825 di 9840
Iscritto il: 16/01/2008, 01:13
Località: Berlin

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda gabriella127 » 12/09/2019, 12:10

@vict Godement la mattonata in 4 volumi? Vabbe' penso ti riferissi ai primi due.
Conosci Godement Cours d'algebre? Io ce l'ho e mi piace molto, ma nessuno lo usa mai e non ho opinioni di altri. Certo è derivazione Bourbaki, ma lo trovo più chiaro di altri, anche più scorrevole.
A proposito di libri 'del passato'. I libri attuali, soprattutto di algebra, e in particolare per la triennale, si preoccupano troppo che il lettore è cretino e non capisce l'astratto e così diventano confusi e miseri.
Io proprio per questo ho avuto un 'trauma' con algebra all'inizio, c'era un libro terribile all'università alla triennale.
"Per consolarti, o povera anima mia, ripeti:
il quadrato costrutto sovra l'ipotenusa
è la somma di quelli fatti su i due cateti".
(Ernesto Ragazzoni)
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 961 di 970
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Re: Libri moderni e libri passati

Messaggioda arnett » 12/09/2019, 12:54

Ma infatti parlavo di libri italiani e 'vecchi'(preriforma), e nel citarli non posso non osservare che forse non sono il massimo per studiarci direttamente.

Insomma non intendevo rispondere alla domanda: 'su quale libro studiare analisi uno per la seconda volta?'.
"ci scruta poi gira se ne va"
arnett
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1112 di 1132
Iscritto il: 18/07/2018, 09:08

Prossimo

Torna a Generale

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Settevoltesette e 14 ospiti