Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda Boomerang » 19/04/2017, 11:47

Non preoccuparti, non hai ingarbugliato nulla. Grazie Gugo,, buona giornata
Boomerang
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 99 di 117
Iscritto il: 07/05/2016, 15:32
Google Chrome 56.0.292 Google Chrome 56.0.292
Windows 10 64 bits Windows 10 64 bits

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda gugo82 » 20/04/2017, 22:58

Allora, vediamo un po' cosa si può dire nel caso generale...

Esercizio :

Siano \((a,b)\subseteq \mathbb{R}\), $p>= 1$ (eventualmente, anche $p=+oo$) e \(v\in C_c(a,b)\).

1. Provare che l'operatore \(V:L^p(a,b)\to L^p(a,b)\), definito ponendo:
\[
\tag{1}
V f (x) := v(x)f(x)
\]
per q.o. \(x\in (a,b)\), è un operatore lineare continuo.

2. Calcolare la norma dell'operatore $V$.

3. Sia $q>= 1$ (eventualmente, anche $q=+oo$).
Per quali coppie di esponenti $p$ e $q$ la (1) definisce un operatore lineare continuo di \(L^p(a,b)\) in \(L^q(a,b)\)?
Quanto vale la norma di $V$ in questo caso?
Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 17853 di 18307
Iscritto il: 12/10/2007, 23:58
Località: Napoli
Google Chrome Mobile 55.0.288 Google Chrome Mobile 55.0.288
Android Android

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda Boomerang » 21/04/2017, 17:25

Vediamo un pò:
1)se riusciamo a trovare una costante che limita il nostro operatore allora dovremmo aver trovato una risposta alla prima richiesta. Quindi considerando la disuguaglianza di Holder dovrebbe essere corretta la seguente catena di maggiorazioni : $f in L^p(a,b)=> ||V(f)||_p=(int_([a;b])|v(x)*f(x)|^pdx)^(1/p) <= Sup.ess_(x in [a;b]) |v(x)| *||f(x)||_p=C_v||f(x)||_p$ si ha inoltre che $v in C_c[(a;b)] => C_v<+oo $
Per la seconda:
Supponiamo che l'operatore, di cui abbiamo trovato il minorante fra gli estremi superiori ( $C_v$ ), abbia il sup. essenziale in $x_0$ e costruiamo la seguente funzione in $L^P(a,b)$:
$f_(delta)={0 <=> |x-x_0| >= delta, 1/delta^(1/p) <=> |x-x_0| <= delta }$ allora si nota subito che $||f_(delta)||_p^p=(int_(x_0-delta/2)^(x_0+delta/2)|1/delta^(1/p)|^p dx)=1$.
In questo modo allora:$||V(f)||_p=(2*int_(x_0-delta/2)^(x_0) |v(x)*f_(epsi)(x)|^pdx)^(1/p) <= (2/deltaC_(v,delta)^p*(x_0+delta/2-x_0))^(1/p)$. Poiché abbiamo dimostrato che $V(x_0)=C_v$ è il massimo del nostro operatore (che lo rende limitato) possiamo quindi affermare che $lim_(delta->0)(v(x_0+delta/2))=C_v$.
Ultima modifica di Boomerang il 24/04/2017, 19:45, modificato 17 volte in totale.
Boomerang
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 100 di 117
Iscritto il: 07/05/2016, 15:32
Google Chrome 56.0.292 Google Chrome 56.0.292
Windows 10 64 bits Windows 10 64 bits

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda gugo82 » 21/04/2017, 21:39

Perché consideri \(\|Vf\|_1\)?
La norma operatoriale di \(V:L^p(a,b)\to L^p(a,b)\) è definita da:
\[
\| V\|_\text{op} = \sup_{f\neq 0} \frac{\| Vf\|_p}{\| f\|_p}\; \ldots
\]
In generale, se consideri un operatore $T$ da $L^p$ in $L^q$ ($p,q$ "esponenti" leciti), la norma operatoriale di $T$ è:
\[
\|T\|_\text{op} := \sup_{f\neq 0} \frac{\| Tf\|_q}{\| f\|_p}\; ,
\]
cioè l'estremo superiore dei rapporti tra la norma di $Tf$ nello spazio d'arrivo e la norma di $f$ nello spazio di partenza.
Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 17854 di 18307
Iscritto il: 12/10/2007, 23:58
Località: Napoli
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Android Android

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda Boomerang » 22/04/2017, 11:43

hai ragione. Ho fatto ancora lo stesso errore ma ho corretto. Solo che vorrei togliermi un dubbio: sappiamo dal teorema di Holder che due funzioni $f in L^p(a,b)$e $ginL^q(a,b)$ con $+oo>=p>q>=1$ allora il prodotto è in $L_1(a,b)$ ma sappiamo anche che , sempre grazie ad Holder, $L^p sube L^q$ e quindi mi chiedo: se dimostro che una funzione $f$ è integrabile con modulo $p=+oo$ dovrebbe essere ovvio che essa è integrabile anche con i moduli $q$ di grado minore o uguale a $p$, o mi sbaglio? Quindi che problema c'è se dico: $||V(f)||_1 <= ||V(f)||_p <=||v(x)||_(oo) * ||f(x)||_1$? Si forse faccio un passaggio di troppo ma con tale logica non ci sarebbero errori no?
Grazie Gugo.
Un'ultima domanda: sto facendo un esercizio in cui, dato un operatore continuo, devo trovarne l'aggiunto. Basterà verificare che esso abbia la proprietà di essere Hermitiano? Inoltre che cosa significa che un se un operatore è definito su tutto lo spazio di Hilbert allora non c'è distinzione fra operatore simmetrico e autoaggiunto? In che senso $A=A^+$
Boomerang
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 101 di 117
Iscritto il: 07/05/2016, 15:32
Google Chrome 56.0.292 Google Chrome 56.0.292
Windows 10 64 bits Windows 10 64 bits

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda Seneca » 22/04/2017, 13:59

Boomerang ha scritto:sappiamo dal teorema di Holder che due funzioni $f in L^p(a,b)$e $ginL^q(a,b)$ con $+oo>=p>q>=1$ allora il prodotto è in $L_1(a,b)$

Anzitutto questo è vero se $p, q$ sono esponenti coniugati.
Boomerang ha scritto:ma sappiamo anche che , sempre grazie ad Holder, $L^p sube L^q$. [...] se dimostro che una funzione $f$ è integrabile con modulo $p=+oo$ dovrebbe essere ovvio che essa è integrabile anche con i moduli $q$ di grado minore o uguale a $p$, o mi sbaglio?

Questo è vero se purché tu stia lavorando con insiemi di misura finita (gli $L^p(X)$ sono tutti "a matrioska" se $\mu(X) < \infty$).
Boomerang ha scritto:Quindi che problema c'è se dico: $||V(f)||_1 <= ||V(f)||_p <=||v(x)||_(oo) * ||f(x)||_1$? Si forse faccio un passaggio di troppo ma con tale logica non ci sarebbero errori no?

Prendi la funzione $f(x) = 1$, $x \in [0,2]$. Chiaramente $f \in L^p(0,2)$ per ogni $1 \le p \le + \infty$, ma
\[ ||f||_1 > ||f||_2 . \]

La disuguaglianza tra le norme che hai scritto tu non è proprio così, ma c'è qualche scalare a fattore che hai perso per strada.
Seneca
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 6863 di 6937
Iscritto il: 02/11/2009, 20:00
Google Chrome 57.0.298 Google Chrome 57.0.298
Windows 10 64 bits Windows 10 64 bits

Re: Calcolare la norma di un operatore

Messaggioda Boomerang » 22/04/2017, 14:08

Perdonate le mie imprecisioni dovute alla mia poca esperienza nell'ambito in questione... E grazie per le correzioni Seneca.
P.S.: volevo scrivere sommabile non integrabile, scusa.
Sicuramente intendi che il fattore che ho dimenticato è $1/(||f||_p)$ (cioè il fattore normalizzante) come più volte mi è stato suggerito da gugo ma di cui, se non vado errando, ho capito solo ora il senso.
Boomerang
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 102 di 117
Iscritto il: 07/05/2016, 15:32
Google Chrome 56.0.292 Google Chrome 56.0.292
Windows 10 64 bits Windows 10 64 bits

Precedente

Torna a Analisi superiore

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti