Definizione punti topologici

Messaggioda anto_zoolander » 13/02/2018, 22:05

Non trovo nulla in merito se non qualcosa su wiki, ma continuo ad avere dubbi.
Per esempio dato $(X,T)$ spazio topologico e $UsubseteqX$

Diremo che $z inX$ è di aderenza per $U$ se $(forallA inT,z inA),AcapUneemptyset$

Nel definire tali punti si usano intorni o aperti?
Gli indiani già sapevano che lo scalpo fosse una varietà pettinabile :-k
Avatar utente
anto_zoolander
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 1908 di 3374
Iscritto il: 06/10/2014, 15:07
Località: Palermo

Re: Definizione punti topologici

Messaggioda siddy98 » 14/02/2018, 00:39

La tua domanda è se la definizione di punto aderente sia "ogni intorno di $z$ contiene un elemento di $U$" oppure "ogni aperto contenente $z$ contiene anche un elemento di $U$", ho capito bene? Se è così, io direi che usare gli aperti o gli intorni è la stessa cosa; le definizioni sono equivalenti. Difatti ogni aperto contenente $z$ è un intorno di $z$, e similmente per ogni intorno di $z$ esiste, per definizione, un aperto che contiene quest'ultimo.
siddy98
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 144 di 162
Iscritto il: 13/09/2013, 11:52

Re: Definizione punti topologici

Messaggioda anto_zoolander » 14/02/2018, 01:49

Eh il dubbio mi sovviene proprio perché pensavo anche io fossero equivalenti. Però in genere un aperto contenente un punto non è detto che sia un intorno di $z$.

Se assumiamo che l’aperto debba essere contenuto propriamente, non sappiamo se ogni aperto contenga un altro aperto contente il punto.
Gli indiani già sapevano che lo scalpo fosse una varietà pettinabile :-k
Avatar utente
anto_zoolander
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 1911 di 3374
Iscritto il: 06/10/2014, 15:07
Località: Palermo

Re: Definizione punti topologici

Messaggioda dissonance » 14/02/2018, 10:15

anto_zoolander ha scritto: $(forallA inT,z inA)$

A in T significa esattamente che A è aperto.
dissonance
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 13624 di 14669
Iscritto il: 24/05/2008, 19:39
Località: Nomade

Re: Definizione punti topologici

Messaggioda siddy98 » 14/02/2018, 12:33

anto_zoolander ha scritto:Se assumiamo che l’aperto debba essere contenuto propriamente...


Non sono sicuro che nella definizione di intorno l'inclusione debba essere propria. Il tuo testo lo dice esplicitamente? O forse lo dici perché usa il simbolo $\sub$? Perché, che io sappia, per la maggior parte degli autori non esiste una vera differenza tra $\sub$ e $\sube$. Ma, in ogni caso, ci sono ad esempio queste dispense in cui la definizione di intorno (pag. 5) inequivocabilmente implica che ogni aperto contenente un punto sia un intorno di quel punto. Anche nel Prodi viene specificato, se non ricordo male, che gli aperti sono insiemi che sono intorni di ogni loro punto.
siddy98
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 145 di 162
Iscritto il: 13/09/2013, 11:52

Re: Definizione punti topologici

Messaggioda anto_zoolander » 14/02/2018, 14:31

dissonance ha scritto:
anto_zoolander ha scritto: $(forallA inT,z inA)$

A in T significa esattamente che A è aperto.

Si appunto, non che sia un intorno(?)


@siddy
Però se ci pensi includere l’inclusione impropria significa voler forzare le cose, perché a questo punto la definizione di intorno non ha alcun punto di forza, o quantomeno, andrebbe definito come.
$U$ è intorno di $z$ se $U$ è un aperto contenente $z$ oppure $U$ contiene un aperto contente $z$.
Questo chiaramente perché $forallAinT,AsubseteqA$ quindi se è $A$ è non vuoto è intorno di ogni suo punto. Quindi ogni aperto sarebbe un intorno di un punto.

Però se mi dite che è così, perfetto :-D
Che ne pensate?


EDIT
Ho visto la definizione della dispensa e mi ha chiarito tutto, così appunto è inequivocabile. Ti ringrazio!
Gli indiani già sapevano che lo scalpo fosse una varietà pettinabile :-k
Avatar utente
anto_zoolander
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 1912 di 3374
Iscritto il: 06/10/2014, 15:07
Località: Palermo


Torna a Analisi matematica di base

Chi c’è in linea

Visitano il forum: anti-spells, Bremen000, Mephlip e 10 ospiti