[Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda ilsaggio » 25/06/2019, 11:35

Ciao a tutti :)
Se ho questo impianto IT
Immagine
non riesco a capire perchè il mio libro dice che se si ha un cedimento dell'isolamento principale( quindi l'involucro va in contatto con un conduttore) non si è in pericolo. Inoltre non capisco perchè la differenza di potenziale tra i conduttori 1 e 2 rimane inalterata.
Qualcuno riuscirebbe ad aiutarmi?
Avatar utente
ilsaggio
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 157 di 178
Iscritto il: 12/12/2016, 22:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda Summerwind78 » 26/06/2019, 11:45

Ciao


devi tenere a mente che l'involucro è collegato a terra

Questo significa che se per esempio la fase va a toccare l'involucro, la corrente proveniente dalla fase scorrerà attraverso l'involucro finendo nella terra. Questo mette in sicurezza una eventuale persona che tocchi l'involucro.

L'impedenza che una persona ha alla frequenza di rete rispetto a terra è sicuramente maggiore che un conduttore che va a collegarsi direttamente a terra. L'impedenza del conduttore è quasi paragonabile ad un corto circuito quindi è quasi pari a zero
Summerwind78
Senior Member
Senior Member
 
Messaggio: 1486 di 1488
Iscritto il: 29/01/2011, 14:06
Località: Italia

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda ilsaggio » 26/06/2019, 18:15

Ok grazie, ma non capisco ancora perchè la differenza di potenziale tra i conduttori 1 e 2 rimane inalterata
Avatar utente
ilsaggio
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 160 di 178
Iscritto il: 12/12/2016, 22:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda RenzoDF » 30/06/2019, 14:00

ilsaggio ha scritto:... Se ho questo impianto IT

Spero che il tuo libro abbia usato uno schema diverso per spiegarti il principio di funzionamento di un sistema di distribuzione IT; qual è la sua caratteristica principale?

BTW Di quale testo si tratta?
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
RenzoDF
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5242 di 5798
Iscritto il: 06/08/2014, 09:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda ilsaggio » 30/06/2019, 14:05

In realtà sono le slide del mio professore, semplificando ha usato una rete monofase
Avatar utente
ilsaggio
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 161 di 178
Iscritto il: 12/12/2016, 22:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda RenzoDF » 30/06/2019, 14:09

E' curioso vedere come rispondete alle domande che vi vengono rivolte, di conseguenza non mi resta che abbandonare la discussione. :)
"Il circuito ha sempre ragione" (Luigi Malesani)
RenzoDF
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 5243 di 5798
Iscritto il: 06/08/2014, 09:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda Vidocq » 30/06/2019, 14:10

Cosa stai studiando? Università o altro?
Qual e' il tuo libro di riferimento?
Rispondi a queste domande.
Per capire ciò che ho scritto in questo post devi possedere un minimo di conoscenza in elettrotecnica ed impianti elettrici.

I sistemi elettrici si suddividono in base allo stato del neutro e del tipo di collegamento della masse.
Il sistema IT e' un sistema a neutro isolato, prima lettera I, (o collegato a terra mediante una impedenza di valore molto elevato $R_{N}$) e masse collegate collegate a terra, seconda lettera N (in pratica significa masse collegate al neutro del sistema).
Lo schema di principio di un sistema elettrico IT e' il seguente:



Non consideriamo quel trasformatore in quanto non essenziale e/o necessario per il sistema IT.
Immaginiamo un guasto sul nostro utilizzatore (fase $L_{1}$).
La corrente di guasto franco a terra $I_{d}$ può richiudersi esclusivamente attraverso le capacita' parassite del sistema (il banco di condensatori C e' un sistema capacitivo equivalente dovuto a tutti i componenti collegati al sistema in esame: motori, utilizzatori qualsiasi e, soprattutto, cavi).



In un sistema elettrico trifase a 400 V, la corrente $I_{d}$ e' molto modesta e pertanto la condizione $R_{E}I_{d}<=U_{L}$ e' soddisfatta.
Per quanto riguarda i contatti indiretti, la condizione di guasto appena descritta potrebbe permanere per un tempo indefinito in quanto non costituisce un pericolo per le persone, animali e cose.
Dal punto di vista della gestione elettrica del sistema, dunque, abbiamo un enorme vantaggio: non e' necessario interrompere immediatamente l'alimentazione in quanto non sussiste un pericolo (contatti indiretti, attenzione).

Ho riportato l'esempio per un sistema trifase a tre fili, ma vale anche nel tuo caso fase-neutro.
Ho risposto implicitamente alla tua domanda

ilsaggio ha scritto: [...] non capisco ancora perchè la differenza di potenziale tra i conduttori 1 e 2 rimane inalterata


quando ho scritto:
In un sistema elettrico trifase a 400 V, la corrente $I_{d}$ e' molto modesta

Infatti, il guasto a terra (il singolo guasto a terra, il primo guasto a terra) costituisce un carico trascurabile per il sistema IT in quanto la corrente e' limitata dall'elevata reattanza capacitiva che ho rappresentato in figura (e che rappresenta l'unica via di per ottenere un percorso chiuso).
Le tensioni di fase quindi non cambiano anche in presenza del primo guasto a terra.
A cambiare, invece, sono le tensioni verso terra delle fasi sane. Queste dipendono dalle impedenze di isolamento verso terra dei cavi; se queste impedenze di isolamento rappresentano un sistema equilibrato allora la tensione di terra e' pari a quella di fase (la terra coincide con il neutro). Il guasto rompe questo equilibrio verso terra e le tensioni verso terra delle fasi sane cambiano assumendo il valore della tensione concatenata (le tensioni di fase -rispetto al neutro, per inciso- non si modificano)

diagramma fasoriale

diagramma fasoriale


P.S.
Poco fa avevo scritto questa risposta (che poi ho cancellato).
Il problema riportato in figura (se correttamente riportato, visto che si tratta di una semplificazione dell'OP) e' leggermente diverso visto che abbiamo un trasformatore che modifica, di fatto, anche il tipo di sistema (almeno a valle del TR stesso).

Rispondi alle varie domande, comprese quella fatte nel post precedente.
Ultima modifica di Vidocq il 30/06/2019, 14:17, modificato 1 volta in totale.
Nell'oscurità l'immaginazione lavora più attivamente che in piena luce. (Immanuel Kant)
Avatar utente
Vidocq
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 192 di 250
Iscritto il: 25/03/2019, 20:39
Località: Trantor

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda Vidocq » 30/06/2019, 14:14

ilsaggio ha scritto:In realtà sono le slide del mio professore, semplificando ha usato una rete monofase


In realtà nel sistema IT, generalmente, non si distribuisce il neutro in quanto tutte le apparecchiature monofase dovrebbero avere un isolamento idoneo a sopportare i 400 V (per i motivi spiegati nel post precedente).
Nell'oscurità l'immaginazione lavora più attivamente che in piena luce. (Immanuel Kant)
Avatar utente
Vidocq
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 193 di 250
Iscritto il: 25/03/2019, 20:39
Località: Trantor

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda ilsaggio » 30/06/2019, 14:42

Ciao grazie per la risposta :) allora io sto studiando ingegneria meccatronica, ora ho un corso di sicurezza elettrica e come materiale inizialmente mi basavo solo sulle slide del professore e su appunti, ma ora ho acquistato "Equipaggiamento elettrico delle macchine-Tuttonormel". Questi argomenti li avevo visti solo ad elettrotecnica in modo molto approssimativo, ora li stiamo vedendo in modo più approfondito.
(scusa ma quando ho risposto c'era solo la risposta di RenzoDF e non la tua, ho visto solo ora le tue domande)
Avatar utente
ilsaggio
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 162 di 178
Iscritto il: 12/12/2016, 22:08

Re: [Elettrotecnica] Impianti IT

Messaggioda Vidocq » 30/06/2019, 14:51

Se non hai mai studiato il sistema IT, non iniziare da quello che hai inserito nel tuo primo post.
Hai letto la mia risposta?

Non conosco il tuo libro, ma ho visto che sono presenti questi paragrafi:

  • 3.3.3 Sistema IT
  • 3.3.4 Separazione elettrica
  • 3.3.5 Sistemi SELV e PELV
Dovrebbero coprire i tuoi dubbi.

Se cerchi in rete, ci sono decine e decine di dispense.
Nell'oscurità l'immaginazione lavora più attivamente che in piena luce. (Immanuel Kant)
Avatar utente
Vidocq
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 194 di 250
Iscritto il: 25/03/2019, 20:39
Località: Trantor

Prossimo

Torna a Ingegneria

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti