Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda curie88 » 24/06/2019, 23:30

Cosa ci assicura che il fotone non abbia una massa più piccola del neutrino pur sempre prossima allo zero, ma non nulla?
“Tutte le scienze esatte sono dominate dall'idea dell'approssimazione.” Bertrand Russell.
curie88
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 473 di 535
Iscritto il: 21/07/2015, 16:44

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda mainlinexile » 25/06/2019, 18:54

La definizione di "onda" forse fa capire meglio perchè non possieda una massa propria.
- my finger is on the button -
mainlinexile
New Member
New Member
 
Messaggio: 42 di 68
Iscritto il: 30/03/2018, 09:00

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda curie88 » 27/06/2019, 21:55

Si rende già di più l'idea.
Ma io mi immagino il fotone puntiforme di volume che si muove sull' onda sinusoidale.
Solo che dato che il campo elettromagnetico è definito come "somma" dei due campi in cui vengono trasmesse onde, quello elettrico e magnetico, tra loro perpendicolari, questa mia visione non deve essere tanto corretta, giacché in contrasto con il principio di indeterminazione sarebbe possibile determinarne il movimento sull' onda in corrispondenza della sua velocità.
Allora posso immaginarmela come particella puntiforme che viene attratta dai due campi mentre è trasmessa nello spazio e la sua posizione e velocità contemporaneamente restano dunque più difficili da determinare, anche se non impossibili?
Solo che se ha un volume perché mai non dovrebbe avere massa? Allora non ha volume! mi chiedo..., ma allora cos' é il fotone, non esiste...è densità di energia, punto?
“Tutte le scienze esatte sono dominate dall'idea dell'approssimazione.” Bertrand Russell.
curie88
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 476 di 535
Iscritto il: 21/07/2015, 16:44

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda mainlinexile » 28/06/2019, 19:21

Un addensamento di energia all'interno di un volume non implica necessariamente una conformazione di massa.
La massa è caratterizzata da un potenziale molto elevato all'interno del volume e che oltrepassa determinata soglia di valore, conferendogli proprietà tipiche.
Questo valore delimita il confine tra -onda che si propaga- ed onda che si conserva localmente nel volume.
E' stato raggiunto anche artificialmente in esperimenti di collisioni di impulsi laser ad alta energia, nel corso dei quali si è osservata la materializzazione di quark.
- my finger is on the button -
mainlinexile
New Member
New Member
 
Messaggio: 44 di 68
Iscritto il: 30/03/2018, 09:00

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda curie88 » 28/06/2019, 21:10

Capisco già di più ora. Grazie dell' illuminata informazione.
“Tutte le scienze esatte sono dominate dall'idea dell'approssimazione.” Bertrand Russell.
curie88
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 479 di 535
Iscritto il: 21/07/2015, 16:44

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda gugo82 » 28/06/2019, 21:37

mainlinexile ha scritto:E' stato raggiunto anche artificialmente in esperimenti di collisioni di impulsi laser ad alta energia, nel corso dei quali si è osservata la materializzazione di quark.

Riferimento?
Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 21810 di 22591
Iscritto il: 13/10/2007, 00:58
Località: Napoli

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda mainlinexile » 28/06/2019, 22:31

Cerca il paper -making pions with laser light-
- my finger is on the button -
mainlinexile
New Member
New Member
 
Messaggio: 45 di 68
Iscritto il: 30/03/2018, 09:00

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda gugo82 » 29/06/2019, 13:37

Sono sempre stato, e mi ritengo ancora un dilettante. Cioè una persona che si diletta, che cerca sempre di provare piacere e di regalare il piacere agli altri, che scopre ogni volta quello che fa come se fosse la prima volta. (Freak Antoni)
Avatar utente
gugo82
Moderatore globale
Moderatore globale
 
Messaggio: 21814 di 22591
Iscritto il: 13/10/2007, 00:58
Località: Napoli

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda mainlinexile » 29/06/2019, 21:58

Si.
Vi sono anche precedenti analoghi più datati.
- my finger is on the button -
mainlinexile
New Member
New Member
 
Messaggio: 47 di 68
Iscritto il: 30/03/2018, 09:00

Re: Massa fotone: perché è riconosciuta sempre nulla?

Messaggioda Shackle » 30/06/2019, 08:18

gugo82 ha scritto:Questo?


Ho letto il paper riportato nel link . Non sono un fisico delle particelle , ho avuto molte difficoltà, e taluni aspetti non li ho capiti . Da quello che ho compreso , si tratta sempre di esperimenti in cui luce laser viene fatta interagire con della materia pre-esistente , come plasma , e si producono altre particelle come i pioni $pi^+$ , o addirittura particelle di antimateria. L'inizio del paper è chiaro :

Over the past several years, there have been many experiments which have demonstrated that high-energy quasi-monoenergetic electron beams can be produced as a result of the interaction of intense short pulse lasers with underdense plasmas (laser wakefield acceleration). Relativistic electrons can be produced through acceleration [1] by large amplitude relativistic plasma waves in the 'bubble' regime which are created in the wake of the laser pulse as it propagates through low density plasma [2–4]


Non mi sembra di aver letto da nessuna parte che , facendo collidere impulsi laser ad alta energia ( quindi, solo radiazione elettromagnetica) si è osservata la materializzazione di quark , cioè materia, come affermato qui:

E' stato raggiunto anche artificialmente in esperimenti di collisioni di impulsi laser ad alta energia, nel corso dei quali si è osservata la materializzazione di quark.


In definitiva , non mi pare si sia realizzata la conversione energia-materia, come pone teoricamente la nota equivalenza $E=m$ ( a meno del fattore $c^2$) .
E non mi pare che si metta in discussione la presunta "massa" del fotone .

Ma potrei aver capito male.
Non troverai mai la verità se non sei disposto ad accettare anche ciò che non ti aspetti-Eraclito
No phenomenon is a real phenomenon until it is an observed phenomenon - J.A. Wheeler
Avatar utente
Shackle
Advanced Member
Advanced Member
 
Messaggio: 2283 di 2473
Iscritto il: 06/10/2016, 19:53

Prossimo

Torna a Fisica, Fisica Matematica, Fisica applicata, Astronomia

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Google [Bot] e 48 ospiti