L'elefante Milanovic

Messaggioda MrChopin » 12/07/2019, 10:15

Salve a tutti sono uno studente di ingegneria dell'automazione e per l'esame di modellistica e simulazione avrei voglia di portare il modello dell'elefante di Branko Milanovic, di cui di seguito metto il link su di un articolo in merito.
https://www.pietroichino.it/?p=43751
Il problema e che avrei bisogno del modello matematico riguardante tale sistema, ma in internet non trovo nulla, a parte articoli che spiegano in maniera semplice il modello ma senza riportare nessun modello, potete darmi una mano? Grazie mille a tutti per la pazienza.
MrChopin
New Member
New Member
 
Messaggio: 36 di 58
Iscritto il: 14/10/2016, 17:54

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda gabriella127 » 12/07/2019, 13:42

Ma sei sicuro che esista un modello matematico per quel grafico?
A metà del trecento, nel centocinquanta (Nino Frassica)
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 875 di 1015
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda MrChopin » 12/07/2019, 18:53

gabriella127 ha scritto:Ma sei sicuro che esista un modello matematico per quel grafico?

In realtà non lo so, l'unica cosa che ho trovato è soltanto dati empirici in merito su fogli excel. Ho fatto proprio questo post per capire se esistesse una funzione matematica del modello di Milanovic o meno, o un modello simili da cui ricavarmi questo. Sono molto inesperto è uno dei miei primi modelli e da come sto capendo è troppo difficile per le mie competenze, c'è un modo con matlab/simulink per prendere dei dati da excel e creare una funzione? O è troppo difficile per uno agli inizi?
MrChopin
New Member
New Member
 
Messaggio: 37 di 58
Iscritto il: 14/10/2016, 17:54

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda gabriella127 » 12/07/2019, 19:02

Io non è che so bene cosa devi fare per l'esame, ma non credo proprio che esista un modello per quel grafico.
E' una analisi statistica di dati, non è che c'è un modello matematico/economico alle spalle.
Quel grafico non rappresenta una funzione.

I modelli matematici per l'economia, con equazioni, funzioni etc. non è che si fanno a partire dai dati.
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 876 di 1015
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda MrChopin » 12/07/2019, 19:32

Mi consigliavano di prendere i dati trasformali in vettori tramite https://it.mathworks.com/help/matlab/ref/spline.html e crearmi una forma funzionale in matlab. E' molto complicato? Cosa mi consigli?
MrChopin
New Member
New Member
 
Messaggio: 38 di 58
Iscritto il: 14/10/2016, 17:54

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda gabriella127 » 12/07/2019, 20:13

Guarda io posso dirti solo cose riguardanti la modelizzazione dal punto di vista economico, perché sono laureata in economia.
Dici di creare una forma funzionale che descriva la curva dell'elefante? Non dico che non si può fare, ma che senso ha da un punto di vista economico? Che significa, che variabili mette in relazione?
Il grafico rappresenta sull'asse delle ascisse la popolazione divisa in classi di reddito e sulle ordinate la variazione del reddito delle varie classi dal 1988 al 2008, non c'è una relazione per così dire 'causale', tra variabili, è come fare una tabella. Una funzione tratta da lì non dice nulla, non ha significato economico. Poi che ci fai?

Ti faccio un esempio semplice di economia per capirci, la funzione del consumo.

Se ad esempio avessi sulle ascisse il reddito di una nazione e sulle ordinate il consumo di quella nazione, e una serie di dati relativi a reddito e consumo, avrebbe senso cercare qual è, specificamente, la funzione che lega consumo al reddito (si fa ad esempio mediate una regressione).
Ma ha senso solo perché la teoria già ci dice che il consumo dipende dal reddito, dà una funzione del consumo,
ad esempio lineare tipo:

$C_t= C_0 + alphaY_t+ u_t$

che ci dice appunto che il consumo dipende dal reddito.

($C_t$ è il consumo al tempo $t$, $Y_t$ il reddito, $alpha$ un parametro, $C_0$ una costante, $u_t$ una variabile casuale che rappresenta l'errore).

I dati, con le tecniche di regressione, a quel punto consentono di trovare una funzione specifica stimando numericamente $alpha$.

Bisogna quindi partire da un modello teorico che cerchi di spiegare o rappresentare qualcosa, prima di passare ai dati.
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 877 di 1015
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda MrChopin » 12/07/2019, 21:13

gabriella127 ha scritto:Guarda io posso dirti solo cose riguardanti la modelizzazione dal punto di vista economico, perché sono laureata in economia.
Dici di creare una forma funzionale che descriva la curva dell'elefante? Non dico che non si può fare, ma che senso ha da un punto di vista economico? Che significa, che variabili mette in relazione?
Il grafico rappresenta sull'asse delle ascisse la popolazione divisa in classi di reddito e sulle ordinate la variazione del reddito delle varie classi dal 1988 al 2008, non c'è una relazione per così dire 'causale', tra variabili, è come fare una tabella. Una funzione tratta da lì non dice nulla, non ha significato economico. Poi che ci fai?

Ti faccio un esempio semplice di economia per capirci, la funzione del consumo.

Se ad esempio avessi sulle ascisse il reddito di una nazione e sulle ordinate il consumo di quella nazione, e una serie di dati relativi a reddito e consumo, avrebbe senso cercare qual è, specificamente, la funzione che lega consumo al reddito (si fa ad esempio mediate una regressione).
Ma ha senso solo perché la teoria già ci dice che il consumo dipende dal reddito, dà una funzione del consumo,
ad esempio lineare tipo:

$C_t= C_0 + alphaY_t+ u_t$

che ci dice appunto che il consumo dipende dal reddito.

($C_t$ è il consumo al tempo $t$, $Y_t$ il reddito, $alpha$ un parametro, $C_0$ una costante, $u_t$ una variabile casuale che rappresenta l'errore).

I dati, con le tecniche di regressione, a quel punto consentono di trovare una funzione specifica stimando numericamente $alpha$.

Bisogna quindi partire da un modello teorico che cerchi di spiegare o rappresentare qualcosa, prima di passare ai dati.



Ho capito quel grafico è più una rappresentazione analitica di dati che una vera e propria funzione, comunque l'esempio che mi hai fatto è molto simile agli esempi che ci sono sul mio libro quindi mi ritrovo molto. Ho capito è molto complessa come cosa, dovrei tecnicamente conoscere una funzione che rappresenti lo stato iniziale x(t) che rappresenti il rapporto tra ricchezza e classi sociali più una variabile di disturbo che rappresenti quei fortunati che nonostante la variazione della ricchezza mondiale sono rimasti in una situazione di continuo benessere e non sono stati toccati da questi problemi. Quindi mi servirebbe una funzione che rappresenti la variazione di popolazione negli ultimi 10 anni, ed una che rappresenti la creazione o l'eliminazione di alcune classi sociali più un altra del disturbo. Ed è una cosa se non ho detto solo sciocchezze è infattibile. E poi dovrei fare un x'(t) stato successivo che sia uno stadio controllato che crei questo tipo y(t) come uscita:


Immagine
MrChopin
New Member
New Member
 
Messaggio: 39 di 58
Iscritto il: 14/10/2016, 17:54

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda gabriella127 » 12/07/2019, 21:57

Hai capito perfettamente.

Non so che libro e che tecniche usi per l'esame, ma certamente fare un modello che collega le classi sociali e la variazione del reddito etc. come dici tu è una cosa molto complessa, richiede conoscenze economiche ed econometriche importanti.
Non puoi fare tu un modello da zero, devi partire da un modello che esiste già.

Il problema della distribuzione del reddito è un tema attuale della teoria delllo sviluppo economico (branca vastissima dell'economia), ad esempio si studia quanto la disuguaglianza possa influire sulla crescita economica.
Se però sei interessato a queste tematiche, può darsi che tu possa trovare qualche modello più semplice, che potrebbe esssere adatto ai tuoi scopi.
Mi viene in mente, tanto per dire una cosa, la 'curva di Kutznet', è una curva a forma di U rovesciata (c'è su Wikipedia), che mette in relazione crescita economica (cioè aumento del reddito di un paese) e disuguaglianza nella distribuzione del reddito.
Descrive l'ipotesi che, al crescere del reddito nazionale, in un primo momento la disuguaglianza aumenti e poi nel tempo diminuisca.
E' un'ipotesi controversa e ci sono studi empirici in materia.

Ecco, non so se chiedendo al professore e facendogli presente questo tuo interesse per il tema della distribuzione del reddito non possa consigliarti qualche modello più semplice del genere da studiare, che faccia al tuo caso.

Nel caso volessi farti un'idea della tematica dal punto di vista economico potresti ad esempio vedere il capitolo 13 'Income inequality' del libro di David N. Weil Economic growth.
Non è un libro avanzato ed è poco formalizzato, ma ti dà una idea per orientarti.
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 878 di 1015
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda MrChopin » 12/07/2019, 22:34

gabriella127 ha scritto:Hai capito perfettamente.

Non so che libro e che tecniche usi per l'esame, ma certamente fare un modello che collega le classi sociali e la variazione del reddito etc. come dici tu è una cosa molto complessa, richiede conoscenze economiche ed econometriche importanti.
Non puoi fare tu un modello da zero, devi partire da un modello che esiste già.

Il problema della distribuzione del reddito è un tema attuale della teoria delllo sviluppo economico (branca vastissima dell'economia), ad esempio si studia quanto la disuguaglianza possa influire sulla crescita economica.
Se però sei interessato a queste tematiche, può darsi che tu possa trovare qualche modello più semplice, che potrebbe esssere adatto ai tuoi scopi.
Mi viene in mente, tanto per dire una cosa, la 'curva di Kutznet', è una curva a forma di U rovesciata (c'è su Wikipedia), che mette in relazione crescita economica (cioè aumento del reddito di un paese) e disuguaglianza nella distribuzione del reddito.
Descrive l'ipotesi che, al crescere del reddito nazionale, in un primo momento la disuguaglianza aumenti e poi nel tempo diminuisca.
E' un'ipotesi controversa e ci sono studi empirici in materia.

Ecco, non so se chiedendo al professore e facendogli presente questo tuo interesse per il tema della distribuzione del reddito non possa consigliarti qualche modello più semplice del genere da studiare, che faccia al tuo caso.

Nel caso volessi farti un'idea della tematica dal punto di vista economico potresti ad esempio vedere il capitolo 13 'Income inequality' del libro di David N. Weil Economic growth.
Non è un libro avanzato ed è poco formalizzato, ma ti dà una idea per orientarti.


Grazie mille per tutti i consigli soprattutto per il libro lo inserisco nella mia lista dei libri da leggere, se hai altro da consigliarmi non ti fare problemi a scrivermelo. Su questo hai ragione devo parlare con il mio professore per la conoscenza che ha, di sicuro mi indirizzerà su qualcosa di interessante e alla mia portata. Stavo pensando anche io di virare sul modello di Malthus https://it.wikipedia.org/wiki/Modello_di_Malthus (che da come ho capito è il "modello Thanos haha). Che però leggendo è sbagliato perchè non tiene conto anche lui di molti fattori, ma credo che optare su quello corretto cioè il modello logit sia troppo difficile per me https://it.wikipedia.org/wiki/Modello_logit
MrChopin
New Member
New Member
 
Messaggio: 40 di 58
Iscritto il: 14/10/2016, 17:54

Re: L'elefante Milanovic

Messaggioda gabriella127 » 12/07/2019, 23:07

Figurati.

Il modello di Malthus secondo me va benissimo, è un'ottima idea. E' un modello classico, storico, importante, è giusto conoscerlo.

Ma no che non è sbagliato. Come tutti i modelli può essere criticato e ha dei limiti, perché sempre un modello è una rappresentazione semplificata della realtà e quindi si occupa di certe variabili e non di altre.

Pensa che gran parte della attuale teoria della crescita economica proviene, con ampliamenti, variazioni, critiche, molti sviluppi successivi, etc. da un famoso modello del 1956, il modello di crescita dii Robert Solow (premio Nobel per l'economia), un modello piuttosto semplice ma che ha avuto enormi sviluppi, la 'madre di tutti i modelli di crescita. Secondo me uno dei capolavori della economia matematica e della matematica applicata (non nella versione più semplice che spesso si dà nei libri di macroeconomia, ma nella sua versione originaria con equazioni differenziali).
Purtroppo non lo troverai tale e quale nel libro di Weil (è un limite di questo libro), perché è fatto più per argomenti che per singoli modelli, ed è pochissimo formalizzato.
Per completezza di cito, all'estremo opposto, se un giorno avrai la curiosità di guardarlo per farti una idea della teoria della crescita più avanzata, il libro Modern Economic Growh di Daron Acemoglu, questo è una bella mattonata, 990 pagine, avanzato e formalizzato.

p.s. per curiosità, mi puoi dire che libro usi per questo esame? Pensavo che fosse una cosa solo 'ingegneristica', in cui non capivo niente, invece vedo che ci sono cose di scienze sociali e economia, potrebbe interessarmi. Grazie.
gabriella127
Moderatore
Moderatore
 
Messaggio: 879 di 1015
Iscritto il: 16/06/2013, 16:48
Località: roma

Prossimo

Torna a Matematica per l'Economia e per le Scienze Naturali

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite