fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda Nickbru » 03/06/2020, 08:52

Buongiorno, in questi mesi sto cercando di capire i miei interessi per il futuro universitario e sono giunto a qualche conclusione: la fisica mi piace, voglio capire il mondo e tutto il resto, però allo stesso tempo preferirei tra 5 (spero) anni di poter fare un lavoro più concreto (non saprei come definirlo meglio), di tipo ingegneristico quasi. So che più di qualche fisico finisce a fare lavori di tipo ingegneristico, ma spesso esso è riferito al settore dell'elettronica, che non mi piace.
In alternativa avevo appunto pensato ad ingegneria meccanica o aerospaziale (la prima perchè è più vasta, quindi mi lascia più opportunità, la seconda con l'obiettivo di finire in aziende spaziali o nell'automobilismo sportivo).
E ora il compromesso: fisica dei sistemi complessi, la quale mi permetterebbe di avvicinarmi alla fisica e poi di applicarla in qualche ambito di mio interesse.
Secondo voi, aerodinamica computazionale potrebbe essere una possibilità di tale corso di laurea? Potrei venire assunto da aziende o loro preferirebbero ingegneri aerospaziali? Ho visto che aerodinamica è tra le materie del corso, però nessuno ci ha mai fatto una tesi.
Un altro vantaggio del CdL è che con un anno in più avrei anche la laurea in nanotech per le ICT, anch'esse applicabili al settore spazio (avete sentito del progetto Breakthrough starshot? :D )
Nickbru
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 36 di 41
Iscritto il: 04/07/2019, 10:36

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda gtx » 03/06/2020, 21:48

Mi pare che fisica dei sistemi complessi sia una magistrale.
Comunque non te la consiglio. In generale la fisica applicata altro non è che elettronica, non puoi in alcun modo avere le stesse competenze di un ingegnere industriale nell'aerodinamica/fluidodinamica.

Se il tuo obiettivo è l'aerodinamica allora ti consiglio ingegneria meccanica, aerospaziale oppure ingegneria matematica.

Ingegneria meccanica: molto generica e varia molto da ateneo ad ateneo, ne esistono svariati percorsi, vedi se nel tuo ateneo c'è qualche percorso piu rivolto all'aerodinamica/fluidodinamica (ma in generale è dalla magistrale che ci si specializza, la triennale ha poca importanza)

pro: lavoro assicurato dopo la magistrale, molto generica e versatile
contro: difficilmente studierai proprio quello che cerchi

Ingegneria aerospaziale: In qualunque ateneo approfondirai la fluidodinamica e la fluidodinamica computazionale.
pro: sicuramente quello che cerchi
contro: molto meno generica e spendibile di meccanica

Ingegneria matematica: Metto anche questa perché la matematica applicata ha molto più cose in comune con gli argomenti classici di ingegneria (fluidodinamica, meccanica dei solidi, termodinamica etc) di quanta ne abbia la fisica applicata (che è poco più che elettronica). La stragarande delle fondamenta teorice e computazionali dei suddetti corsi sono dovuti a matematici applicati del secolo scorso. In genere approfondirai metodi computazionali per meccanica dei solidi e fluidi. Ma anche qui dipende dall'ateneo, a Milano per esempio gli insegnamenti mi sembrano decisi tirando le freccette, un po' di roba a caso per fare 180 crediti, e dicono pure che chi si laurea può considerarsi ing. industriale...una vergogna, questi neanche sanno da che parte si avvitano le viti.
pro: ti fornisce buone basi teoriche e numeriche sui metodi dell'ingegneria
contro: non è ingegneria, non saprai neanche di che forma è un cuscinetto, figurarsi leggere un complessivo meccanico.

Tra tutte ti cosngilio meccanica, se non trovi qualcosa di adatto a te allora meglio aerospaziale. Ing. matematica lasciala stare.
gtx
Junior Member
Junior Member
 
Messaggio: 143 di 162
Iscritto il: 25/04/2020, 11:15

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda Nickbru » 04/06/2020, 07:31

Grazie della risposta. Allora mi sa che mi toccherà prendere una scelta definitiva tra fisica ed ingegneria.
A questo punto forse meglio ingegneria meccanica per avere più strade aperte possibili, anche perché chissà quanto cambieranno i miei interessi...
Nickbru
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 37 di 41
Iscritto il: 04/07/2019, 10:36

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda axpgn » 04/06/2020, 09:05

Prendere una decisione importante come questa solamente dai consigli di gtx mi pare poco saggio, anche perché non ti ha detto che lui è un ingegnere meccanico e ritiene che "Ingegneria Meccanica" sia l'unica Ingegneria degna di chiamarsi tale (e non ha molto simpatia per i Politecnici … )
Con ciò voglio solo dire che il suo è un punto di vista, rispettabile ma uno dei punti di vista; ne sentirei anche altri.

Cordialmente, Alex
axpgn
Cannot live without
Cannot live without
 
Messaggio: 15695 di 15858
Iscritto il: 20/11/2013, 22:03

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda civamb » 04/06/2020, 09:30

Fisica dei sistemi complessi del politecnico di Torino é tutto meno che fisica applicata. Il corso é basato sulla fisica teorica e gli altri esami sono prevalentemente di fisica della materia e biofisica. C'è un esame di fluidodinamica in comune con ingegneria matematica e volendo potresti caricarne un'altro se scegli il percorso nazionale.
Tendenzialmente il percorso più completo per la fluidodinamica (conoscenze teoriche ed operative) é ingegneria aerospaziale/aeronautica. Gli altri percorsi "classici" sono ingegneria meccanica e civile idraulica. Ciò non toglie che un triennio in ingegneria aerospaziale seguito da una LM in fisica dei sistemi complessi (non devi per forza fare il triennio in ingegneria fisica) potrebbe essere una soluzione molto valida. Lo stesso discorso vale per ingegneria matematica.
Scegli ciò che ti piace.

Inviato dal mio LG-H870 utilizzando Tapatalk
civamb
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 714 di 726
Iscritto il: 13/01/2014, 17:37

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda Nickbru » 04/06/2020, 10:52

Grazie civamb
civamb ha scritto: Ciò non toglie che un triennio in ingegneria aerospaziale seguito da una LM in fisica dei sistemi complessi (non devi per forza fare il triennio in ingegneria fisica) potrebbe essere una soluzione molto valida.

La mia idea sarebbe stata quella di fare una triennale in fisica in questo caso, perché avrei tre anni in più di tempo per capire se della fisica volessi pure farne il mio lavoro o se è semplice curiosità. Se invece iniziassi con ingegneria aerospaziale probabilmente terminerei gli studi in ingegneria spaziale.

Una domanda in più, per interesse più che per passione: per studiare PDE in generale, non solo in campo aerodinamico, quale potrebbe essere un corso valido? è una cosa fattibile con una laurea in fisica o è più roba da ingegneri?
In questi mesi a scuola abbiamo studiato modelli epistemologici in matematica e (nonostante sia decisamente più semplificato di una PDE) mi è piaciuto moltissimo lavorare con differenziali e approssimazioni
Nickbru
Starting Member
Starting Member
 
Messaggio: 38 di 41
Iscritto il: 04/07/2019, 10:36

Re: fisica dei sistemi complessi per l'aerodinamica

Messaggioda civamb » 04/06/2020, 11:14

Nickbru ha scritto:Grazie civamb
civamb ha scritto: Ciò non toglie che un triennio in ingegneria aerospaziale seguito da una LM in fisica dei sistemi complessi (non devi per forza fare il triennio in ingegneria fisica) potrebbe essere una soluzione molto valida.

La mia idea sarebbe stata quella di fare una triennale in fisica in questo caso, perché avrei tre anni in più di tempo per capire se della fisica volessi pure farne il mio lavoro o se è semplice curiosità. Se invece iniziassi con ingegneria aerospaziale probabilmente terminerei gli studi in ingegneria spaziale.

Una domanda in più, per interesse più che per passione: per studiare PDE in generale, non solo in campo aerodinamico, quale potrebbe essere un corso valido? è una cosa fattibile con una laurea in fisica o è più roba da ingegneri?
In questi mesi a scuola abbiamo studiato modelli epistemologici in matematica e (nonostante sia decisamente più semplificato di una PDE) mi è piaciuto moltissimo lavorare con differenziali e approssimazioni


Sull'ultimo punto ingegneria matematica. Considera anche gli aspetti della fisica che non ti piacciono, in questo caso con ingegneria non "perderesti tempo" con esami troppo al di fuori del tuo interesse.


Inviato dal mio LG-H870 utilizzando Tapatalk
civamb
Average Member
Average Member
 
Messaggio: 715 di 726
Iscritto il: 13/01/2014, 17:37


Torna a Orientamento Universitario

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 16 ospiti