Il C a 360°

Il linguaggio C, diretto successore dell’assembly, è un linguaggio “di basso livello” perchè permette di svolgere operazioni di I/O molto basilari e con estrema semplicità, non a caso è molto usato per la scrittura di driver e kernel di sistemi operativi. E’ un linguaggio di tipo procedurale, il che significa che usa una logica “a blocchi”, detti comunemente funzioni. Questi blocchi di codice hanno un nome e sono delimitati da appositi simboli.

Il C è un linguaggio di tipo Case-Sensitive, quindi “ciao” sarà diverso da “CIAO” e diverso da “cIaO”. Inoltre è un linguaggio Cross-Platform, cioè significa che può essere usato per programmare su qualsiasi S.O. Cercherò di essere il più generale possibile senza fare esempi riguardanti una piattaforma specifica. Per quanto mi riguarda lo preferisco a qualunque altro linguaggio di programmazione e spero sia lo stesso per voi. Iniziamo con alcuni concetti di base prima di addentrarci nella scrittura di codice vera e propria.


download  B. Ianero, Il C a 360° 
Breve manuale di programmazione in C, pp. 65, pdf (0,9MB)

 

Commenti

commenti