Numeri, matrici, stringhe, operatori logici e commenti

Dati numerici

All’interno del linguaggio Octave un numero decimale può essere espresso attraverso diverse notazioni.

Esempi:

>>105

>>1.05 e+2

>>1050 e-1

Per i numeri complessi l’espressione è:

>>3+4i

>>3.0+4.0e-1i

L’unità immaginaria i va scritta senza lasciare spazi fra il numero e la i.

La funzione >>double(x) converte x in un tipo a doppia precisione 

La funzione >>single(val) converte il valore numerico val in un tipo a singola precisione

La funzione >>complex(val) e >>complex(re,im) trasformano un valore reale in numero complesso.

Matrici

Nel linguaggio Octave la dimensione della matrice è determinata automaticamente quindi non è necessario esplicitarla. Inserendo per esempio una matrice:

a=[12

     34]

L’espressione

>>[a,a]

Produce la matrice:

ans

>>[1212

      3434]

Bisogna stare attenti al modo in cui vengono inseriti i dati nelle matrici in quanto, per esempio, l’espressione:

[1-1]

Viene vista come differenza dando come risultato 0, mentre:

[1 -1]

Viene interpretata come un vettore [1,-1].

Se i valori della matrice sono molto grandi o molto piccoli attraverso la funzione

>>fixed_point_format

Possono essere visualizzati in un formato fisso. Questa funzione, però, non è raccomandabile in quanto può produrre un risultato che potrebbe essere mal interpretato.

Matrici vuote

Una matrice potrebbe avere una o entrambe le dimensioni (righe e colonne) pari a 0; in questo caso nel programma Octave sarà visualizzato:

[ ]

La funzione

>>val=print_empty_dimensions()

Controlla appunto tale comportamento.

Per esempio l’espressione

Zeros (3,0)

Stamperà

>>ans=[ ] (3*0)

La matrice vuota potrebbe essere anche un modo conveniente per cancellare righe o colonne di matrici.

Range

L’espressione Range è definita dal valore del primo elemento nel range, dal valore dell’incremento tra gli elementi (se omesso è assunto pari a 1) e il massimo valore che gli elementi del range non eccederanno. Questi tre valori sono separati da colonne (il carattere “:”).

Esempio:

>>1:5 (incremento omesso)

>>ans [1,2,3,4,5,]

Esempio:

>>1:3:5

>>ans [1,4]

Valori logici

Il linguaggio di programmazione Octave permette di utilizzare valori logici come true o false il cui risultato sarà un valore logico che dipenderà dalla comparazione.

Altri operatori logici sono:

&= congiunzione logica

|= or

!= negazione logica

La funzione

>>logical (arg)

converte l’argomento in un valore logico.

Stringhe

Una stringa è una sequenza di caratteri compresi tra le doppie virgolette “ “ o le singole virgolette ‘ ‘ e può essere di qualsiasi lunghezza. Poiché le virgolette singole possono essere utilizzate per altri scopi in Octave, per denotare le stringhe è meglio utilizzare le doppie virgolette.

Le stringhe potrebbero essere concatenate utilizzando la notazione per definire le matrici.

Esempio:

>>[“foo”,”bar”,”baz”]

>>ans “foobarbaz”

E’ possibile creare una stringa anche senza inserire il testo, infatti la funzione

>> Blanks (n)

Crea una stringa di lunghezza n fatta solo di caratteri vuoti.

Mentre la funzione

>> Deblanks(s)

Rimuove gli spazi nulli dal vettore s.

Inserire i commenti

Il commento è un testo che compare nel programma per spiegare cosa fa e come lavora per una maggiore comprensione del lettore.

Nel linguaggio Octave il commento è preceduto dal carattere “#” o dal simbolo “%” e continua fino alla fine della linea.

Esempio:

# descrizione variabile utilizzata

Traduzione, sintesi e adattamento di http://www.gnu.org/software/octave/doc/interpreter/  (consultato il 06.03.2008)

Commenti

commenti