Arriva l’appuntamento con le stelle cadenti

Siamo oramai giunti al consueto appuntamento con lo sciame meteorico delle Perseidi, comunemente conosciuto come "Lacrime di San Lorenzo". La fase clou dell’evento attualmente è nella notte del 12 agosto, anzicchè in quella del 10. Per approfondimenti Siderusnuncius.

Arriva l’appuntamento con le stelle cadenti d’agosto, piccoli detriti, sparsi nello spazio dalla cometa Swift-Tuttle, che impattando con la nostra atmosfera, danno origine a bellissime scie luminose: le meteore.

Il nome dello sciame meteorico (Perseidi) è dovuto al fatto che il suo radiante si trova nella costellazione del Perseo, quindi le meteore sembrano tutte quante provenire da quel particolare punto del cielo.

Quest’anno, nella notte del 12, la Luna sarà nella sua fase di Ultimo Quarto, quindi il suo bagliore disturberà un pochino l’osservazione, ma solo nella seconda metà della notte, per il resto potremo divertirci a contare le scie luminose ed affidare loro in nostri desideri…

Consigli per l’osservazione Come si può vedere dalla cartina in alto, il radiante si trova a Nord-Est, leggermente a destra della Stella Polare. Per osservare quindi le perseidi rivolgetevi verso nord, ma anche verso est o verso ovest andrebbe ancora bene. L’importante è non rivolgersi a Sud dove non potrebbero mai apparire nel cielo.

Consiglio caldamente di allontanarsi il più possibile dai centri abitati e dall’inquinamento luminoso prodotto dalle illuminazioni artificiali delle città. Va benissimo in piena campagna oppure vicino al mare.

Vi auguro una Buona Osservazione!

Commenti

commenti

Ci sono 2 commenti su questo articolo:

  1. Concordo con te Franto, anche se il clou è nella data che ho indicato, tuttavia anche i giorni immediatamente adiacenti vanno bene (ad esempio ieri sera ne abbiamo viste di bellissime).
    Ovviamente, per quanto riguarda lo sciame meteorico delle Leonidi, tornerò ad informarvi per tempo ed a fornirvi tutte le informazioni e le cartine per godere appieno dell’evento.
    Speriamo solo nella clemenza delle condimeteo che, a novembre, spesso mi hanno tirato brutti scherzi.
    A prestissimo !

  2. Quest’anno lo sciame delle perseidi è un po’ in ritardo. Sarà possibile osservarle anche nei giorni successivi. Agli appassionti consiglio di non persersi lo sciame delle leonidi nel mese di novembre, meno famoso ma molto più intenso dello sciame delle perseidi che allieta le estati degli astrofili