Passa al tema normale
Discussioni su argomenti di Fisica, Fisica Matematica, Astronomia e applicazioni della Fisica

Regole del forum

Consulta il nostro regolamento e la guida per scrivere le formule
Rispondi al messaggio

Re: Moto parabolico

22/03/2019, 05:03

Ma le farfalle sulla Luna non producono alcun effetto !
Caro Shackle io ti ringrazio della pazienza dimostrata fin ora. E anche dell'aiuto.
Come detto seguendo il tuo consiglio ho fatto la media dei valori $ v_(z0) $ ricavati a partire dalle velocità $ V_(X) $ e $ V_(Z) $ nei singoli tratti. Il valore ottenuto porta ad una curva di questo tipo:
Immagine

... che come si vede e abbastanza diversa da quella che si potrebbe tracciare a partire dai valori individuati.

Sì, io ho un'idea di come questo sia possibile, ma non volevo spaventarti (ho immaginato tu ci credessi alla massima di Eraclito! E magari anche a quella di Schätzing), tanto meno volevo sorprendere gli utenti del forum. Se qualcuno avrà voglia di considerare la questione, io bisogno di conferme sul procedimento seguito ne ho ancora.

Ahhh... lo studio del Colorado contiene gravi errori: infatti chi ha eseguito le misure ha lavorato su un filmato convertito da 24 fps a 30 fps (l'originale è stato girato in 16 mm). Non si sono nemmeno accorti che stavano verificando spostamenti della polvere su fotogrammi duplicati (a causa della conversione 1 fotogramma ogni 4 è identico al precedente). Questo dovrebbe dirla lunga sull'accuratezza di quel lavoro, per quanto pubblicato sull'American Journal of Phisics...

Re: Moto parabolico

22/03/2019, 08:00

Puoi ritenerti soddisfatto del risultato ottenuto? Non sono in grado di valutarlo.

Nello studio americano ci sono dei gravi errori? Poco male, non è morto nessuno. Invece, molti anni fa capitó che, per un banale errore di unità di misura , che erano scritte nel SI (gli americani usano ancora foot, pounds, psi, Fahrenheit..., in barba alle regole, e capirono male ...), un lancio spaziale fallì e morirono degli astronauti :snakeman:

Gli aforismi, le frasi celebri? Sono sono dei vezzi , per chi li scrive. La verità? Se la conoscessi sul serio! ( la forma verbale va bene sia per la prima che per la seconda persona singolare). Una cosa è certa: nella scienza non sussiste l’uguaglianza : Verità = Dogma .

Sulla Luna non ci sono farfalle, ma magari potrebbe esserci una pulce (anaerobica ) che salta: che cavolo ne so io :-D ?

Non mi sono spaventato. Neanche l’ignoranza (quella mia per prima!) mi spaventa. Invece mi fa uscire dai gangheri l’arroganza, specie se manifestata dai ‘leoni della tastiera ‘ . Ma tu sei educato e ‘per bene’ , magari lo fossero tutti :smt023

Re: Moto parabolico

22/03/2019, 14:00

Io sono piccolo piccolo.
Più che un leone io mi sento un ciuchino e un risultato non so ancora se l'ho ottenuto.
Mi piacerebbe... non fosse altro per provare che anche i ciuchi possono dare il loro contributo al progresso, se non scientifico almeno etico e sociale. Ma bisognerebbe provare che i calcoli sono giusti, che si è tenuto conto dell'errore sperimentale e che si sono prese in considerazione tutti gli elementi del problema, anche l'eventuale presenza di pulci anaerobiche.

La verità. Ho smesso di credere che esista una sola verità dai tempi delle medie, quando mi hanno fatto leggere Pirandello.
Il metodo scientifico può aiutarci a scoprire il mondo, ma la "comunità scientifica" è una comunità di esseri umani, e come tale è permeabile a tutti i difetti che l'animo umano ha da sempre. No, non credo di avere in mano alcuna verità...

Inoltre, anche arrivando a scoprire che una o più sequenze di Apollo 16 sono state girate sulla terra in presenza di atmosfera, non vuol dire aver dimostrato che l'uomo non è stato sulla Luna. Ad ogni modo... Forse questo tipo di speculazioni non contribuirà al progresso scientifico, ma nel momento che questi dubbi sorgono credo sia giusto richiamarsi alla scienza e non a posizioni preconcette.

Un getto di polvere incontra resistenza nel suo moto quando non la dovrebbe assolutamente incontrare. Ci sono idee di come spiegare il fenomeno? Penso che questo sia un approccio assolutamente scientifico e a me personalmente la cosa stuzzica. Se postulo la presenza di atmosfera, e quindi che siamo sulla terra, il fenomeno diventa spiegabile (se geogebra non inganna), tenendo conto però di una banalissima considerazione sui tempi che separano un fotogramma dall'altro (altrimenti quel moto con un g grande 6 volte tanto, non sarebbe mai spiegabile).

Non sarò soddisfatto del lavoro finché non avrò fugato ogni mio dubbio su ciascuno dei passaggi matematici e concettuali che esso comporta.

Ti ringrazio per avermi sempre risposto per ora.
Rispondi al messaggio