La Teoria della Relatività e lo studio dei buchi neri

leone-relativita.pngTesina per la maturità scientifica 2010. Il lavoro nasce dalla curiosità suscitatami dalla Teoria della Relatività nella sua versione del 1915. Essa rappresenta una svolta fondamentale nel progresso dello studio della fisica moderna. All’alba del XX secolo, infatti, i fisici erano generalmente convinti di essere arrivati alla fine del loro percorso, riuscendo a descrivere qualunque fenomeno fisico con la meccanica Newtoniana e con l’elettromagnetismo di Maxwell, e ritenendo di dover apportare solo minime correzioni a queste due grandi teorie.

Scarica la tesina di maturità scientifica 2010

ico-pdf.pngMassimiliano Leoni, La teoria della Relatività e lo studio dei buchi neri.

Commenti

commenti

Ci sono 4 commenti su questo articolo:

  1. In realtà la stessa teoria di Einstein ,consiste di una serie di dimostrazioni per assurdo , che dimostrano che la visione materiale è apparenza matematica.

    Poca fisica e tanta matematica insomma.

    Da http://www.webalice.it/iltachione .

    Saluti da Vincenzo Russo

  2. Ciao stefano.Ho tredici anni e anch’io sono molto appassionato del modello einsteiniano e quello hawkiniano.
    Tuttavia vorrei porti una domanda:è possibile creare una teoria che colleghi i principi matematici di Einstein, Hawking e Newton.Sappiamo ad esempio che la teoria della relatività generale implica una velocità equa a quella della luce(300000Km/s),cosa che nella teoria gravitaziona-
    le non è prevista.Per-
    tanto spero di poter contribuire da adulto a questa teoria.
    Ti porgo i miei più sinceri complimenti

  3. Complimenti sei un pazzo!! Spero che studenti come Te riescano ad avere il giusto riconoscimento