Innovazioni e pratiche didattiche: l’uso della Rete da parte dei docenti

marta.b-cfp_bauer111.jpgPerché ho scelto la scuola come campo di indagine? Soprattutto perché ho scelto i docenti come professionisti di mio interesse? La convinzione che il mondo della scuola possa ancora essere rivalutato, e quindi migliorato, è uno degli aspetti chiavi della mia motivazione. In particolar modo mi incuriosiva capire come i docenti, soprattutto quelli più tecnologizzati, riescono a muoversi in un contesto reticolare come Internet.

Questa tesi partecipa al concorso Rimetti in circolazione la tua tesi e vinci 3 iPhone Apple 3G.

Che Internet abbia investito ogni forma organizzativa mi sembra sia evidente. Come nasce l’esigenza di “tuffarsi” in un mondo virtuale, questo è più difficile da capire. Il campo d’analisi che ho scelto, non appartiene ad un mercato economico competitivo, dove la necessità di adeguarsi al cambiamento è obbligatoria. Quella dei docenti, senza voler considerare tutta l’organizzazione scolastica, è uno di quei campi dove l’innovazione è molto lenta ma, soprattutto, dove l’indipendenza della pratica professionale permette una personalizzazione della pratica stessa.

[…]La maggioranza degli studi sulla diffusione delle innovazioni parte dal postulato che il movimento collettivo sia la risultante di una molteplicità di decisioni non solo individuali, ma “private”… Penso al caso degli insegnanti della scuola.( Francesco Consoli, Le mode professionali, Carocci, 2002)

E’ pertanto non necessario,per i docenti, dover per forza adeguare il proprio lavoro ad una società tecnologizzata.

La scuola non ha seguito la curva del cambiamento tecnologico. O meglio non ha seguito la “cultura” del cambiamento tecnologico. L’aver investito ingenti somme di denaro in tecnologie informatiche per la scuola, non ha reso la scuola moderna, anzi, ha creato una varianza all’interno della professione stessa.

“Il computer, inserito in questi ultimi anni con massicci investimenti un po’ in tutte le scuole del mondo, non è stato determinante per la trasformazione dei parametri dell’ambiente scuola, finendo per collocarsi disciplinatamente sui banchi di un’aula divenuta “laboratorio di informatica”. Tuttavia, mentre la scuola fagocitava i nuovi media restando sostanzialmente uguale a se stessa, intorno, la società subiva un processo di mutamento continuo e profondo, tanto da non poter più essere riconosciuta nei suoi principali aspetti. Trasformazioni così radicali e rapide, tutte dipendenti in modo più o meno diretto dalle tecnologie, indicano la necessità di un altrettanto radicale cambiamento nell’istruzione.” (Giovanni Biondi,“La Scuola Dopo le Nuove Tecnologie” APOGEO 2007)

In questa tesi sarà infatti valutato il ruolo che le tecnologie assumono nel contesto didattico, come i docenti usano le tecnologie per aggiornarsi e soprattutto perché usano le tecnologie.

La tesi non è incentrata sulla descrizione degli strumenti tecnologici, ma sulla “cultura” tecnologica adottata dai docenti e su come l’innovazione tecnologica è stata adottata e se è possibile chiamarla innovazione.

Nello specifico mi sono concentrato su un fenomeno esploso in rete: i blog didattici. Perché i docenti li utilizzano? Ho cercato di analizzare l’uso dello strumento blog come esempio di utilizzo della rete. I blog hanno avuto infatti una crescita esponenziale che ha suscitato la mia curiosità.

Questa tesi è strutturata in tre parti. La prima parte sarà dedicata al contesto di riferimento, ovvero la società dell’informazione e il ruolo che questa assume nel campo organizzativo della scuola. La seconda parte riassume le basi teoriche di riferimento per la mia tesi. Utilizzando il costruttivismo come paradigma di studio delle tecnologie didattiche e proseguendo con le comunità di pratica, per la struttura organizzativa, e finendo con la teoria della traslazione e quindi anche dell’Action Network Theory come metodo di studio riflessivo per lo studio dell’apprendimento nei campi organizzativi.

Ogni argomento è tracciato da una mappa di riferimento, che ha la funzione di organizzare gli argomenti trattati in maniera sintetica e con le relative connessioni.

Indice Introduzione ………………………………………………………..6
1ª parte Quadro generale………………………………………….13
1.1 I docenti e la Rete ……………………………………..13
1.2 La strategia dell’informazione …………………..22
1.3 La condivisione di conoscenza nell’era del web 2.0……………………………………………………………….34
1.4 Strumenti collaborativi come innovazione? .39
2ª parte Riferimenti teorici …………………………………………46
2.1 Quale innovazione? ……………………………………….46
2.2 Come si diffonde l’innovazione ……………………..55
2.3 Il pensiero collettivo e la tecnologia………………..60
2.4 Le comunità di pratiche e la rete internet………..82
2.5 I confini delle comunità………………………………….96
2.6 Le comunità di pratica e comunità virtuali: dal costruttivismo al connettivismo. ………………………….98
2.7 Studiare le connessioni: dagli stormi ai Social Network …………………………………………………………..107
2.8 I docenti in “movimento” …………………………….114
3ª parte Ricerca………………………………………………………..125
3.1 La ricerca ……………………………………………………. 126
3.2 I partecipanti ………………………………………………. 131
3.3 Metodologia di ricerca………………………………….134
3.4 Ambiente di ricerca ……………………………………..141
3.5 Laboratorio “Squola” …………………………………..148
3.6 Ri-costruzione dei contenuti “Squola” ………….156
3.7 Elementi caratterizzanti ……………………………….174
3.8 Riflessioni finali ………………………………………….. 186
Bibliografia………………………………………………………. 197
Webgrafia…………………………………………………………201

 

Bibliografia
 Varisco B.M. (1995a), Alle radici dell’ipertestualità , in Calvani A., Varisco
 J. Dewey, Democrazia ed educazione, op. cit., pp. 193-194
 J. D. Novak, D. B. Gowin, Imparando ad imparare, SEI, Torino, 1989 (2001)
 Silvia Gheradi, Implementare, diffondere o tradurre in pratica il cambiamento, 2004
 Sergio Maistrello, La parte abitata della Rete, 2007, ed. Tecniche Nuove
 E.Wenger, Comunità di pratiche e sistemi sociali di apprendimento Oxford University Press.
 S.Epifani, Business community, ed. Franco Angeli, 2003 198
 Varisco.B.M, Nuove tecnologie per l’apprendimento – Guida all’uso del computer per insegnanti e formatori, Garamond, Roma, 1998
 Economia e sociologia. Conversazioni con Becker, Coleman, Akerlof, White, Granovetter, Williamson, Arrow, Hirschman, Olson, Schelling e Smelser, Di Richard Swedberg, C. Locati tradotto da C. Locati Pubblicato da Donzelli Editore, 1994
 I saperi esperti, il virtuale e l’apprendimento sociale. L.Benadusi
 Paolo Landri e R. Serpieri Il Ministero virtuale, 2002, ed. Liguori
 F. Consoli Le mode professionali ,ed Carocci 2002
 E.Gastaldelli, Lo studio delle tecnologie didattiche. Uno studio qualitativo del progetto “Pionieri” nella provincia di Bolzano. Tesi di laurea, Facoltà di Psicologia, Università degli studi di Padova
 Rocchi F. “Conoscenza ed impresa” Cedam 1994 199
 Luhmann N. “Sistemi sociali: fondamenti di una teoria generale” Il mulino, Bologna 1990
 Vicari S. “L’impresa vivente” Etas Libri Milano 1991
 Ciappei C. Poggi A. “Apprendimento e agire strategico d’impresa:il governo delle dinamiche conoscitive nella complessità aziendale” Cedam 1997
 R. Van Der Spek A. Spijkervet “Knowledge Management dealing intelligently with knowledge” Kenniscentrum CIBIT and CSC 1997
 Giovanni Azione, Condividere la conoscenza per competere. Strategie, tecnologie e casi aziendali di Knowledge Management, autore Sergio Campodall’Orto, pp. 96, 1a edizione 2003
 Papert S. (1980), Mindstorms. Computers, Children and Powerful Ideas, Basic Books, New York.
 Resnick L.B. (1987), Imparare dentro e fuori la scuola, in Pontecorvo, Ajello, Zucchermaglio, a cura di, 1995, pp. 61-83. 200
 Lave J., Wenger E. (1991), Situated learning, Legitimate peripheral participation, Cambridge University Press, UK.
 Jonassen D.H. (2000), Revisiting Activity Theory as a Framework for Designing Student-Centred Learning Environments, a cura di, Jonassen D.H., S.M. Land, Theoretical Foundations of Learning Environments, pp 89-123, LEA.
 Jonassen D.H. (2002), Learning as Activity, Educational Technology, March-April, pp. 45-51.
 Engström Y. (1987), Learning by expanding: An activity theoretical approach to developmental research. Helsinki, Finland: Orienta-Konsultit Oy.
 Alvino S., Sarti L. (2004), Learning Objects e Costruttivismo, Didamatica 2004
 Percorsi riflessivi, AA.VV. ed. Hilde Stroobants, Philip Chambers & Brian Clark
 La scuola dopo le nuove tecnologie Di Giovanni Biondi Pubblicato da Apogeo Editore, 2007 201 Webgrafia
 Intervista a Barry Carbol rintracciabile su http://www.mediamente.rai.it/home/bibliote/in tervis/c/carbol.htm 
 Vittorio Midoro, Come cambiano gli insegnanti e la loro formazione Uno scenario futuro della professione dell’insegnante, TD n. 18 numero 3- 1999, http://www.itd.cnr.it/tdmagazine/PDF18/forma zione.pdf
 Ivan Illich, Deschooling Society (1971) http://www.altraofficina.it/ivanillich/Libri/Desc olarizzare/descolarizzare.htm
 R.Straub su http://www.elearningeuropa.info/directory/ind ex.php?page=doc&doc_id=7759&doclng=9
 Elisabetta Cigognini, sulla Knowledge Society, http://elilearning.wordpress.com/2007/10/13/s ulla-knowledge-society/ 202
 Antonio Dini http://antoniodini.blogspot.com/
 http://nova.ilsole24ore.com/nova24ora/2006/09 /la_ricchezza_de.html
 Massimiliano Costa, Le comunità di pratica come leva per la formazione, http://www.univirtual.it/ssis/quaderni/ssis03.p df,
 Daniele Di Gregorio Autore blog : http://www.ikaro.net/chi.html
 Strumenti collaborativi, intermodalità e life long learning. Dove vanno le innovazioni? http://db.formez.it/ArchivioNews.nsf/e2c3c8cd8 8ff8747c1256e2a002fccb7/f2eb3fb2b7aec662c12574 7b003f019f?OpenDocument
 AA.VVhttp://www.costruttivismoedidattica.it/te orie/teorie_introduzione.htm
 Umberto Tenuta, LE TECNOLOGIE MULTIMEDIALI COME AMBIENTI DI 203 APPRENDIMENTO EDUCATIVO, http://www.edscuola.it/archivio/didattica/tecm m.html#_ftn2
 Programmi didattici del 1955 ttp://www.edscuola.it/archivio/didattica/tecm m.html#_ftnref2
 articoli & materiali IAD, http://www.costruttivismoedidattica.it/tecnologi e/tecnologie.htm
 articoli & materiali IAD, http://www.costruttivismoedidattica.it/tecnologi e/tecnologie.htm
www.scuola3d.eu
 Vittorio Midoro, Dalle comunità di pratica alle comunità di apprendimento virtuali , ITD-CNR, Genova, http://www.itd.cnr.it/tdmagazine/PDF25/Com_ Pratica.pdf
 Comunità di pratiche e comunità virtuali Esperienze europee ed extraeuropee, 204 http://formare.erickson.it/archivio/marzo_03/ti nazzi.html
 Architetture didattiche e modelli organizzativi: un processo di adattamento reciproco http://www.elearningeuropa.info/files/media/ media16217.pdf  Connectivism: new paradigm or fascinating poutpourri? , Antonio Calvani, Je-LKS n.1, 2008, http://www.jelks. it/en/08_01/13Comcalv_en1.pdf
 Carlo Mazzucchelli, Tutto ciò che vorreste sapere sulla Social Network Analysis, http://www.complexlab.com/areetematiche/reti /fissi/copy_of_tutto-sulla-social-network-analysis
 http://www.utopie.it/economia_sostenibile/soci al_network.htm
 Elementi teorici per la progettazione dei Social Network,Gianandrea Giacoma, Davide Casali http://ibridazioni.com/wp205 content/uploads/2007/09/elementi_teorici_per_l a_progettazione_dei_social_network_10_20070924. pdf
 Implementare, diffondere o tradurre in pratica il cambiamento? Gherardi 2004, http://db.formez.it/ArchivioNews.nsf/9e82ba16f 729fde2c1256e220031fcee/db0196c272b4daadc1256 eb5003ef64e/FILE/Implementare,%20diffondere %20o%20tradurre%20in%20pratica%20il%20cambi amento.PDF
 Intervista a Yrjo Engestrom (traduzione italiana di Pietro Valentini) http://db.formez.it/ArchivioNews.nsf/e2c3c8cd8 8ff8747c1256e2a002fccb7/7563e618c7f520a0c1256e 900035fba3/FILE/Tecnologia,%20reti,%20appren dimento.pdf
 Confini e trasgressioni di confini nella sociologia economica, del lavoro e dell’organizzazione. Antonio Strati http://www.unitn.it/rucola/members/download /online_materials/vece_mainstream_estetica_tecn ologia_workplace_studies.pdf 206
 Simone Casadei, Storia dei blog, http://guide.dada.net/blog/interventi/2003/12/ 146290.shtml
 http://orientamentiedisorientamenti.ning.com di Gianni Marconato
 http://blog.debiase.com/2008/07/16.html, blog di Luca de Biase
 Thomas Christel, Gruppi di lavoro orizzontali: un primo passo verso la social enterprise, http://blog.yooplus.com/it/wpcontent/ uploads/2008/01/whitepaper1.pdf
http://tyler17.wordpress.com
 Il Laboratorio come strategia didattica.” Reperibile all’indirizzo http://www.educazione.sm/formazione/contrib utisett2005/Baldacci_Laboratorio.pdf
 Usare l’evento critico nella pratica riflessiva, Francesco Consoli rintracciabile su la rivista online: http://db.formez.it/ArchivioNews.nsf/e2c3c8cd8 207 8ff8747c1256e2a002fccb7/94c7792cc1fffa56c125744 f004c3d26/Testo/M2/14%2520- %2520uso%2520evento%2520critico%2520- %2520consoli.pdf?OpenElement
 Appunti di anatomia della conversazione, Giuseppe Granieri su http://www.apogeonline.com/webzine/2007/03 /26/19/200703261901
 Wellman su http://www.tecnoteca.it/tesi/democrazia/partec ipazione/02
 Alberto Battaggia su http://www.funzioniobiettivo.it/glossadid/Amb ienti%20di%20apprendimento/Definire%20gli%20 ambienti%20d%27apprendimento.htm

 

ico-pdf.png Scarica la tesi "Innovazioni e pratiche didattiche: l’uso della Rete da parte dei docenti"

Commenti

commenti