Il N. 11 completo di Matematicamente.it magazine

geometry-lesson-kevidooley.jpg121. G. De Cecco, Rompere bene le figure – 122. G. Pesare, Teoria dei giochi e scelte formative – 123. A. Zucco, Poligoni, poliedri e politopi regolari – 124. A. Bonet, Talete il padre dell’astronomia razionale – 125. P. Romano, Simulazioni del decadimento radioattivo con la TI Voyage 200 – 126. A. Urso, Proprietà dell’equazione dei Dieterici – 127. G. Barbella, L’Ovoide a cipolla – 128. S. Lega, Un sistema fuzzy per la modellizzazione delle associazioni biologiche – 129. Recensione: R. J. Aumann, I giochi dell’economia e l’economia dei giochi.

ico-pdf.pngIl N.11 completo di Matematicamente.it Magazine

Commenti

commenti

C'è un commento su questo articolo:

  1. Il risultato della rivista n° 11 dicembre 2009 Magazine, se raffrontata con quella di un anno fa, del dicembre 2008, con lo stesso numero di articoli presenti, anche se ovviamente con argomenti diversi, denota comunque una costante che non può sfuggire, ovvero, una media di lettura di circa 13000 visitatori complessivi, un risultato direi notevole che supera di ben lunga quello cartaceo di un qualsiasi periodico di argomentazione matematica e, credo che tutto questo sia molto confortante per gli autori e per i redattori.

    Le 1570 visite finora raggiunte dal mio articolo: Talete il padre dell’Astronomia razionale, lo ritengo un buon investimento culturale, che mi ha dato anche la certezza di essere stato un articolo letto e apprezzato da autorevoli specialisti nazionali e internazionali della materia che mi hanno scritto personalmente per complimetarsi sia per la novità contenuta della ricerca, sia per essere stata ben documentata, ma è stato anche un buon investimento culturale poiché è stato un articolo utilizzato a livello didattico dentro le scuole dell’obbligo è questa, la considero una grande,grande ricompensa.

    Ringrazio pertanto la Redazione di Matematicamente per aver accolto questo mio lavoro, con la quale è stato un piacere lavorare assieme per la capacità di sintesi che ha reso certamente più scorrevole e più piacevole la lettura dell’articolo.

    Aldo Bonet